Vincenzo Migliaro | Porta Capuana


Vincenzo Migliaro (1858-1938) was an Italian painter** born in Naples.
After learning the art of wood carving at courses held by the Società Centrale Operaia Napoletana and working in the studio of Stanislao Lista, Migliaro enrolled in 1875 at the Naples Institute of Fine Arts, where his masters included Domenico Morelli**.
While a short trip to Paris in 1877 afforded him the opportunity to study the works exhibited in the Louvre, the artist’s main source of inspiration was Naples and its highly animated everyday life.
The works he presented in exhibitions at the national and international level - including Turin (1880, 1884 and 1898) and Barcelona (1911), where he won a silver medal - gained him a reputation as a keen observer of Neapolitan life.
Involved in the decoration of the Caffè Gambrinus in the following decade together with Vincenzo Irolli** and other painters, he took part in the Venice Biennale from 1901-1928 and exhibited alongside Vincenzo Caprile and Vincenzo Gemito, both Neapolitans, at the Galleria Pesaro, Milan, in 1927.


Vincenzo Migliaro (Napoli, 8 ottobre 1858 - Napoli, 16 marzo 1938) è stato un pittore, scultore e incisore Italiano, di scuola napoletana.
Dopo aver appreso l'arte dell'intaglio ai corsi della Società Centrale Operaia Napoletana e aver frequentato lo studio di Stanislao Lista, si iscrive nel 1875 all'Istituto di Belle Arti di Napoli, allievo tra gli altri di Domenico Morelli.
Nel 1877 compie un breve viaggio a Parigi dove si sofferma a studiare le opere esposte al Museo del Louvre.
È tuttavia Napoli con la sua vivace vita popolare la principale fonte di ispirazione dell'artista: le opere con le quali partecipa alle esposizioni nazionali (Torino, 1880, 1884 e 1898) ed internazionali (tra tutte citiamo Barcellona dove nel 1911 ottiene la medaglia d'argento) ne sanciscono la fama di attento indagatore della realtà napoletana.
Nel decennio successivo è chiamato con altri pittori tra i quali Vincenzo Irolli ad eseguire la decorazione del Caffè Gambrinus.
Partecipa alle esposizioni internazionali d'arte di Venezia dal 1901-1928 e nel 1927 alla Galleria Pesaro di Milano si tiene una sua esposizione di opere di Migliaro, Vincenzo Caprile e Vincenzo Gemito, tutti e tre napoletani.