Gaspar van Wittel | Baroque / Vedutista painter

Caspar van Wittel or Gaspar van Wittel - born Jasper Adriaensz van Wittel; Italian name variations: Gaspare Vanvitelli, Gasparo degli Occhiali- (1652/1653, Amersfoort - September 13, 1736, Rome) was a Dutch painter🎨 and draughtsman who had a long career in Rome.
He played a pivotal role in the development of the genre of topographical painting known as veduta.
He is credited with turning topography into a painterly specialism in Italian art.









Vanvitelli (Van Wittel), Gaspare, detto anche Gaspare degli Occhiali - Pittore, nato ad Amersfoort (Olanda) nel 1635, morto a Roma il 13 settembre 1736.
Fu scolaro precoce del paesista e vedutista Mattia Withoos a Amersfoort, che era stato in Italia dal 1648 al '50.
Venne a Roma nello scorcio del 1674 e non fece più ritorno in patria. Da quadri firmati risulta che lavorò anche a Venezia dove fu il principale precursore del Canaletto, come pure nell'Umbria e nella Toscana.
A Roma lo troviamo nel 1676 associato all'ingegnere olandese Cornelio Meijer per il quale illustrava a penna il lavoro tecnico sulla possibilità di rendere navigabile il Tevere (ms. nella Biblioteca dell'Accademia dei Lincei, con preziosi dati biografici).
A Roma in questo tempo fu anche ammesso socio della Compagnia dei pittori olandesi col sopranome "de Toorts" (La Torcia).
Il V. è vedutista per eccellenza; la sua arte, accurata e minuta, ci ha tramandato visioni pittoriche esatte e squisite delle varie città dove egli ha fatto soggiorno.
Nel 1699 si recò a Napoli dietro invito del viceré Ludovico duca di Medina Coeli, che nell'anno seguente fu padrino del suo figlio Luigi, diventato poi assai più famoso del padre come architetto della reggia di Caserta.
Nel 1707 Gaspare si stabilì nuovamente a Roma restando in continuo rapporto epistolare con alti personaggi alle Corti di Madrid e di Parigi. Fu in favore nell'ambiente vaticano e presso lo stesso pontefice Clemente XI Albani; nel 1711 venne eletto accademico di San Luca.
Suoi quadri si trovano in molte gallerie pubbliche e private, specialmente a Roma ed a Napoli. Il fatto che il maestro ha avuto numerosi imitatori, di cui le opere col tempo passarono sotto il suo nome, rende talvolta difficile di separare le vedute semplicemente "vanvitelliane" da quelle autentiche, se le prime, come è spesso il caso, sono buone di stile e di esecuzione.
Il Van Wittel era ottimo e squisito disegnatore a penna, e come tale ebbe come seguace ed emulo il figlio Luigi che derivò dal padre non solo una nitidezza di tecnica salda e spiritosa, ma quel senso del concetto architettonico, il quale lo spinse poi alle sue creazioni grandiose. | © Treccani


Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy