Visualizzazione post con etichetta 17th Century Art. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta 17th Century Art. Mostra tutti i post
Textual description of firstImageUrl

389th anniversary of Johannes Vermeer's birth

Today’s Doodle celebrates Dutch painter Johannes Vermeer, a seminal Baroque artist who is widely regarded among the greatest Dutch painters of all time.

Johannes Vermeer (October 1632 - December 1675) was a Dutch painter who specialized in domestic interior scenes of middle-class life. He was a moderately successful provincial genre painter in his lifetime but evidently was not wealthy, leaving his wife and children in debt at his death, perhaps because he produced relatively few paintings.
Vermeer worked slowly and with great care, and frequently used very expensive pigments. He is particularly renowned for his masterly treatment and use of light in his work.
Vermeer painted mostly domestic interior scenes.
"Almost all his paintings are apparently set in two smallish rooms in his house in Delft; they show the same furniture and decorations in various arrangements and they often portray the same people, mostly women".


Textual description of firstImageUrl

Abraham Mignon | Baroque still-life painter

From National Gallery of Art, Washington D.C.:

The son of shopkeepers, Abraham Mignon (1640-1679) was born in Frankfurt and baptized in the Calvinist church on June 21, 1640.
When his parents moved to Wetzlar in 1649, Mignon was placed under the care and artistic apprenticeship of Jacob Marrel (1614-1681), a still-life painter and art dealer.
Marrell was undoubtedly impressed with Mignon’s abilities, for he entrusted his affairs to him whenever he was away in Holland on business.
Furthermore, Marrell asked Mignon to instruct his stepdaughter, Maria Sibylla Merian (1647-1717), in still-life painting.
By 1664 Marrell and Mignon had left Frankfurt for Utrecht, and in 1669 both were registered in the Saint Luke’s Guild there.



Textual description of firstImageUrl

Jacob Jordaens (1593-1678)

Jacob Jordaens è stato un pittore Fiammingo, fra i maggiori del XVII secolo.
Fu allievo, con Pieter Paul Rubens, del pittore manierista Adam Van Noort, grazie al quale fu ammesso alla gilda dei pittori di Anversa.
Suo padre era un commerciante di tessuti o di sete. La famiglia Jordaens apparteneva alla borghesia più agiata: la loro casa si situava nell'Hoogstraat (la via alta), una delle vie più conosciute per il commercio dei panni ad Anversa.
Il 15 maggio 1616 sposò la figlia minore del suo maestro Adam van Noort, Catharina, di quattro anni più anziana. È un matrimonio cattolico da cui nasceranno tre figli: Elisabeth (1617), Jacques (1625) ed Anne Catherine (1629).



Textual description of firstImageUrl

Emily Dickinson | So the Eyes accost and sunder / Così gli Occhi si accostano e si spezzano..

Così s'incontrano, così si separano
gli sguardi in una folla -
per sempre impressi possono restare -
tanto può un'espressione

Johannes Vermeer | The Girl with a Pearl Earring, 1665 (detail)


Textual description of firstImageUrl

Francisco De Zurbarán (1598-1664) | Life and paintings


Francisco Zurbarán, fu l'artista barocco che meglio seppe rappresentare la religiosità controriformista della Chiesa spagnola del 17° secolo.
Profondamente religioso, Zurbarán rimase personalità singolare ed appartata. Nella sua vasta produzione di soggetti sacri, le figure assurgono a simboli di intensa spiritualità (dipinti per il convento di S. Pablo el Real di Siviglia, commissionatigli nel 1626, ora sparsi in chiese e musei della città; serie delle sante, 1639-45, in vari musei europei). Nella fase finale della sua attività si dedicò alla natura morta, che rese in modi estremamente moderni.


Textual description of firstImageUrl

Lo Spagnoletto (Jusepe de Ribera, 1591-1652)


Jusepe de Ribera, conosciuto anche come José de Ribera, o col soprannome Spagnoletto, è stato un pittore Spagnolo, attivo principalmente a Napoli e più in generale per la corte di Spagna.
Fu uno dei massimi protagonisti della pittura napoletana ed europea del XVII secolo nonché uno dei più rilevanti pittori seguaci del filone del caravaggismo napoletano, da cui derivò una peculiare corrente pittorica di cui fu il promotore, Il tenebrismo, che vedeva una esasperata rappresentazione della realtà, violenta e brutale, accentuata da particolari epidermici, anatomici e psichici nei personaggi raffigurati.
Il suo stile, che nel tempo si evolve verso un classicismo neoveneto, fu modello e punto di riferimento per i pittori partenopei coevi e di generazioni successive, segnando in maniera indelebile tutta la pittura napoletana del Seicento.


Textual description of firstImageUrl

Francisco De Zurbarán (1598-1664) | La Vita e le Opere


Zurbarán ⟨tℎurbℎaràn⟩, Francisco fu l'artista che meglio seppe rappresentare la religiosità controriformista della Chiesa spagnola del 17° secolo. Profondamente religioso, Z. rimase personalità singolare e appartata.
Nella sua vasta produzione di soggetti sacri, le figure assurgono a simboli di intensa spiritualità (dipinti per il convento di S. Pablo el Real di Siviglia, commissionatigli nel 1626, ora sparsi in chiese e musei della città; serie delle sante, 1639-45, in vari musei europei).
Nella fase finale della sua attività si dedicò alla natura morta, che rese in modi estremamente moderni.


Textual description of firstImageUrl

Jusepe de Ribera / Lo Spagnoletto (1591-1652)


Jusepe de Ribera, conosciuto anche come José de Ribera, o col soprannome Spagnoletto, è stato un pittore Spagnolo, attivo principalmente a Napoli e più in generale per la corte di Spagna.
Fu uno dei massimi protagonisti della pittura napoletana ed europea del XVII secolo nonché uno dei più rilevanti pittori seguaci del filone del caravaggismo napoletano, da cui derivò una peculiare corrente pittorica di cui fu il promotore, il tenebrismo, che vedeva una esasperata rappresentazione della realtà, violenta e brutale, accentuata da particolari epidermici, anatomici e psichici nei personaggi raffigurati.

Il suo stile, che nel tempo si evolve verso un classicismo neoveneto, fu modello e punto di riferimento per i pittori partenopei coevi e di generazioni successive, segnando in maniera indelebile tutta la pittura napoletana del Seicento.