Textual description of firstImageUrl

Lado Gudiashvili (1896-1980) | Symbolist painter



Lado Gudiashvili / ლადო გუდიაშვილი (1896-1980) was a 20th-century Georgian painter.
Gudiashvili was born in Tiflis (now Tbilisi) on March 18 (30), 1896 into a family of a railroad employee.
He studied in the Tiflis school of sculpture and fine art (1910-1914), where he met the Armenian artist Alexander Bazhbeuk-Melikyan, and later in Ronson's private academy in Paris (1919-1926).


For a while, Gudiashvili belonged to a group of Georgian poets called "The Blue Horns" (1914-1918), who were trying to connect organically the Georgian national flavour with the creative structure of French symbolism.
In Paris, he was a constant customer of the famous "La Ruche", a colony of painters where he met I. Zuloaga, Amedeo Modigliani, Natalia Goncharova and Mikhail Larionov.
Gudiashvili's work was greatly influenced by Niko Pirosmanashvili.
Filled with the charm of Georgian life, the painter's early works combine dramatic grotesque with the charm of poetic mystery (Live Fish, 1920, Art Museum of Georgia).
Closeness to the traditions of old Caucasian and Persian art was amplified upon his return to Georgia in 1926. Gudiashvili's colours become warmer, and the perception of the world as a theater grew stronger (many of Gudiashvili's paintings were either inspired by operas and ballets or serve to depict actresses in costumes).


Like his compatriots (Grigol Robakidze, Konstantine Gamsakhurdia), Gudiashvili freely used mythological allegories (The Walk of Seraphita, 1940), the center of which was a graciously beautiful woman imagined as the mysterious "Goddess of the Earth".
Gudiashvili also worked as a monumentalist, painting anew the Kashveti Church in Tbilisi in 1946, for which he was expelled from the Communist Party and fired from the Tbilisi academy of fine arts, where he had been teaching since 1926.
In the voluminous "antifascist cycle" of Indian ink drawings Gudiashvili became a kind of "Georgian Goya": beastlike monsters surrounded the ruins of art and naked "goddesses" conveyed the ideas of the death of culture.
Lado Gudiashvili worked also as a book illustrator, cinema and theater decorator. He died on July 20, 1980 in Tbilisi. | © Wikipedia


Awards🎨
  • 1958 - Was awarded the title of People’s Artist of Georgia.
  • 1965 - Received Shota Rustaveli Premium.
  • 1973 - Was made a Merited Art Worker of Adjara.
  • 1976 - The medal of a Hero of Socialist Labour.
































Lado (Vladimer) Gudiashvili è nato il 18 marzo 1896 a Tbilisi, in Georgia Ha iniziato a disegnare in tenera età, imparando allo stesso tempo musica e danza; questo si mostrerà a tempo debito nella sua arte.
All'età di quattordici anni ha frequentato il college d'arte, quindi ha trovato lavoro come insegnante di arte in una scuola di grammatica di Tbilisi.
Gudiashvili fece la sua prima mostra personale già nel 1915, facendosi subito un nome nei circoli intellettuali e artistici georgiani.
La partecipazione di Gudiashvili in questo momento a una spedizione archeologica che studiava vari monumenti dell'antica architettura georgiana ebbe un significato speciale per il suo sviluppo artistico; fece molte copie di affreschi nelle chiese e quando le sue copie furono esposte a Tbilisi nel 1919, incantarono il pubblico.
Alla fine del 1919 Lado Gudiashvili, insieme ad altri due talentuosi artisti, David Kakabadze e Shalva Kikodze, andarono a Parigi.
Ha vissuto e lavorato in Francia per sei anni. I suoi dipinti, quando furono esposti per la prima volta nel Salon d'Automne del 1920, attirarono l'attenzione generale, poiché il talento del giovane georgiano era così insolito per i parigini.
Nel 1925 fu pubblicato un libro a Parigi, scritto dal famoso critico d'arte Maurice Raynal e dedicato all'opera di Gudiashvili, espressione significativa del riconoscimento professionale che l'artista aveva vinto.


Ciò è testimoniato anche dalle sue connessioni artistiche ed amicizie con grandi pittori come Picasso, Modigliani, Derain, Léger e Utrillo, e con scrittori come Aragona e Bretone.
Nonostante tutto - i suoi principali successi a Parigi, le mostre di grande successo delle sue opere in altre città francesi, Bordeaux, Marsiglia e Lione, ed in seguito a Londra, Roma, Bruxelles, Berlino, Amsterdam e New York, l'acquisto delle sue opere da gallerie in Francia, Spagna, Olanda e Italia ed, infine, i tentativi allettanti dei commercianti d'arte di rimanere in Francia come Picasso - i Gudiashvili tornarono in Georgia.
Gudiashvili è stato un artista incredibilmente versatile: ha realizzato dipinti su cavalletto, affreschi e disegni; ha lavorato con inchiostro, acquerelli, tempera e tecnica mista; ha illustrato libri, realizzato disegni satirici e scenografie sceniche; dipinse quadri e ritratti storici, composizioni allegoriche e pannelli decorativi e si occupò di temi mitologici e politici; passò da temi epici a temi lirici, dalla tragedia all'opuscolo; ha esaltato la bellezza e l'amore, ma non si è ridotto dalla rappresentazione della bruttezza, degli orrori della guerra, della meschinità della violenza.
Gli è stato conferito il titolo di People's Artist of the USSR (1972) ed il più alto onore in Unione Sovietica, la medaglia🎨 di Hero of Socialist Labour (1976).
Lado Gudiashvili è morto il 20 luglio 1980 a Tbilisi.







Nessun commento:

Inserisci un commento

Info sulla Privacy