28/02/17

Textual description of firstImageUrl

Zinaida Serebriakova (Russian painter, 1884-1967) | Page 1



Zinaida Evgen'evna Serebriakova🎨 (nata Lanceray) /Зинаи́да Евге́ньевна Серебряко́ва, è stata una pittrice🎨 Russa naturalizzata Francese, fu tra le più importanti artiste nella Russia imperiale e sovietica.
La semplicità, la raffinatezza dei paesaggi da lei ritratti, la sensualità femminile delle sue opere così ricche di luce e plasticità ne hanno decretato il grande successo, sin da giovane.
Nata il 12 dicembre 1884 nella tenuta di Neskučnoye, Provincia di Kursk (Impero Russo) in una delle famiglie di artisti più famose della Russia.
Suo nonno, Nikolaj Benois, era un famoso architetto, Presidente della Società degli Architetti e membro dell’Accademia Russa delle Scienze, architetto di corte per Nikolaj I di Russia. Suo zio, Aleksander Benois, era un pittore famoso, fondatore del gruppo artistico Mondo dell’Arte (“Mir Iskusstva”).
Nel 1900, Zinaida entrò nella Scuola d’Arte fondata dalla Principessa Maria K. Tenisheva, grande filantropa, educatrice, collezionista ed amica di artisti russi famosi come Vasnezov, Vrubel, Rerikh, Maliutin, Benois, Trubezkoj ecc. Nonostante la giovane età, Zinaida dimostra chiaramente il suo talento.
Tra il 1902-1903 trascorre un periodo in Italia, poi un biennio in Francia, all’Académie de la Grande Chaumière, a Parigi.


Nel 1905 sposa il cugino Boris Serebriakov del quale assume il cognome.
La fama arriva nel 1910 con l’autoritratto "Al tavolo da toletta" (1909), oggi nella Galleria Statale Tretiakov di Mosca, esibito in occasione di una mostra organizzata dal Mir Iskusstva.
Nel 1911 si unì a tale movimento, ma si distinse dagli altri membri del gruppo per la sua preferenza di temi popolari e per la natura dei suoi dipinti.
Tra il 1914-1917 era al culmine della sua produttività ma lo scoppio della rivoluzione d’ottobre, nel 1917, cambiò drasticamente la sua vita. La tenuta di famiglia fu saccheggiata. Suo marito fu arrestato e morì nel 1919 a causa del tifo contratto nelle carceri bolsceviche. Zinaida si ritrovò senza denaro, con quattro figli ancora piccoli e la madre malata.
Nel dicembre 1920 Zinaida si trasferì nell’appartamento dei nonni a San Pietroburgo, salvando se stessa e la famiglia e nell’autunno del 1924 si recò a Parigi per realizzare un grande murales decorativo. Finito il lavoro, non riuscì a rientrare in Unione Sovietica.
Negli anni successivi fu in grado di far espatriare i due figli più piccoli, ma non riuscì a farsi raggiungere dai figli più grandi che non rivide per ben trentasei anni. Zinaida Serebriakova morì a Parigi il 19 settembre 1967, aveva 82 anni, e come molti aristocratici, intellettuali ed artisti russi, venne sepolta nel cimitero monumentale russo di Sainte-Geneviève-des-Bois.








Zinaida Serebriakova was born a member of the Russian art world as a descendent of two of its leading constituents -the Benois and Lanceray families.
She studied painting at the Princess Tenisheva Art School in St. Petersburg before travelling to Italy, where she was exposed to numerous Renaissance masterpieces.
Her mature oeuvre was inspired by the Renaissance paintings she saw, as well as by her own family heritage and the knowledge it instilled in her.
The artist was circumstantially forced to emigrate, dividing her from home and family, and permanently establishing the family sphere as a crucial and nostalgic theme in her late career. Her youngest children, Alexandre and Katya, were able to join her by 1928, but she was forever haunted by the absence of her two eldest children.
Serebriakova painted many female portraits throughout her lifetime, and Katya was one of her favorite subjects. | Sotheby's