Textual description of firstImageUrl

Abraham Bloemaert | Circe, 1625-1628


Author: Abraham Bloemaert (Dutch Mannerist painter🎨, ca.1564-1651);
Title: Circe;
Medium: Oil on canvas;
Dimensions: 22 1/8 x 19 ¼ in. (56.2 x 48.9 cm.)
Provenance: Private collection, England - with Salomon Lilian, Amsterdam and Geneva, where acquired by the present owner in 2006;
Current location: Christie's.

Daughter of Helios and Hecate, the goddess of witchcraft, the enchantress Circe was notorious in Greek mythology for her knowledge of herbs and potions.
The story is recounted by Homer in the Odyssey (Book X): Odysseus and his companions came to the island retreat of the cruel sorceress on their journey home from the Trojan War. It was Circe’s way with travelers to offer them food laced with a magic potion that transformed them into swine.


Forewarned by Hermes, Odysseus ate an herbal antidote that protected him against the fate that would befall his comrades.
At sword-point, the Greek hero forced Circe to restore the pig-men to their former state. In the visual arts, Circe typically appears with her attributes of a cup and wand or the staff with which she transforms her enemies into animals.

The present painting, which, on the basis of style, dates to Bloemaert's maturity, appears to be among the earliest depictions of the enchantress in Dutch painting🎨.
Unlike most later representations of the sorceress, which are almost always multi-figure compositions, Bloemaert concentrates exclusively on the isolated yet alluring figure, who is intended to be admired for her exquisite beauty.
We are grateful to Marcel Roethlisberger for endorsing the attribution to Abraham Bloemaert on the basis of photographs. Dr. Roethlisberger dates the work to between 1625-1628, when the artist was around sixty.


At this time, Bloemaert was painting several explorations of female and male half-length figures, often as allegories such as Liberality or Avarice, or simply as Arcadian shepherdesses.
Seen in profile, the woman conforms to a type that the artist favored, and which can be seen in several drawings of female heads as well as paintings such as the circa 1610 "Samaritan Woman", the 1620 "Pomona", the 1626 "Chariclea" and the late "Apollo and Pan".
Particularly admirable is Bloemaert's sophisticated use of colors, which Roethlisberger considers to be of 'an utmost delicacy’, concluding that "this painting sums up the harmonious mastery of Bloemaert’s art of the 1620s’. | © Christie's



Figlia di Helios ed Ecate, dea della stregoneria, l'incantatrice Circe era nota nella mitologia greca per la sua conoscenza di erbe e pozioni.
La storia è raccontata da Omero nell'Odissea (Libro X): Odisseo e i suoi compagni arrivarono al ritiro dell'isola della crudele strega nel loro viaggio di ritorno dalla guerra di Troia. Circe offre agli viaggiatori del cibo intrecciato con una pozione magica che li trasformava in suini.
Avvisato da Hermes, Ulisse mangiò un antidoto a base di erbe che lo proteggeva dal destino che sarebbe accaduto ai suoi compagni.
A livello di spada, l'eroe greco costrinse Circe a riportare i maialini al loro antico stato.
Nelle arti visive, Circe appare in genere con i suoi attributi di tazza e bacchetta o il bastone con cui trasforma i suoi nemici in animali.


Il presente dipinto, che, sulla base dello stile, risale alla maturità di Bloemaert, sembra essere tra le prime raffigurazioni dell'incantatrice nella pittura olandese🎨.
A differenza della maggior parte delle rappresentazioni successive della maga, che sono quasi sempre composizioni a più figure, Bloemaert si concentra esclusivamente sulla figura isolata ma seducente, che è destinata ad essere ammirata per la sua squisita bellezza.
Siamo grati a Marcel Roethlisberger per aver appoggiato l'attribuzione ad Abraham Bloemaert sulla base di fotografie.
Il dottor Roethlisberger data l'opera tra il 1625-1628, quando l'artista aveva circa sessant'anni.
In quel momento, Bloemaert stava dipingendo diverse esplorazioni di figure femminili a mezzo busto, spesso come allegorie come Liberalità o Avarizia, o semplicemente come pastorelle arcadiche.
Vista di profilo, la donna si conforma ad un tipo che l'artista prediligeva e che può essere visto in diversi disegni di teste femminili e in dipinti come la "Samaritana" del 1610 circa, la "Pomona" del 1620, la "Chariclea" del 1626 ed il tardo "Apollo e Padella".
Particolarmente ammirevole è l'uso sofisticato dei colori di Bloemaert, che Roethlisberger considera di "una massima delicatezza", concludendo che "questo dipinto riassume l'armoniosa padronanza dell'arte di Bloemaert degli anni '20". | © Christie's


Nessun commento:

Inserisci un commento

Info sulla Privacy