Textual description of firstImageUrl

Olga Sacharoff (1889-1967)



Olga Nicolaevna Sacharoff was a Spanish artist🎨 of Russo-Persian origin associated with naive art and the Surrealist movement.
Olga Sacharoff (also spelled Sakhorova, Zakharova, or Zacharoff) was born in Georgia, which at the time was a part of the Russian Empire.
Her mother was of Persian origin. After studying at the Tbilisi State Academy of Arts, she visited Rome and traveled to Munich, where she came in contact with the German Expressionist movement.


In Germany, she met her future husband, the photographer and painter Otho Lloyd.
Beginning in 1909, Sacharoff regularly visited Paris.
By 1912, she and Lloyd had settled in the city and were married. She exhibited frequently, in solo as well as group shows, including the annual exhibitions organized by the Salon d'Automne.
Initially, her work was influenced by Paul Cézanne🎨; soon after her move to Paris, however, she became fascinated with radical or synthetique Cubism.
Both Sacharoff and Lloyd became active members of the circle that formed around the Russian émigré avant-garde artist Marie Vassilieff.
The outbreak of World War I forced Sacharoff and Lloyd to relocate to Spain. The couple initially settled in Mallorca, but moved to Barcelona in 1915 or 1916.
From 1917-1924, Sacharoff collaborated with Francis Picabia🎨 on the magazine 391, which is considered representative of Dadaism.
Among those writers and artists appearing in the four issues of the magazine were Guillaume Apollinaire🎨 and Marie Laurencin🎨. During this period, Sacharoff developed a colorful "naïve" style influenced by Henri Rousseau🎨.



Sacharoff continued to participate in the Salon d'Automne; her work was also featured in the annual shows of the Salon des Tuileries and the Société des Artistes Indépendants.
Although her involvement in these exhibitions required that she spend significant time in Paris, she maintained a home in Barcelona.
Sacharoff and Lloyd separated in 1929 and, depressed by the breakup of her marriage, Sacharoff stopped painting for approximately five years. She resurfaced in 1934 with an exhibit at Barcelona's Layetanas Gallery.
In 1939, Perls Galleries in New York City organized a two-person exhibition featuring paintings by Sacharoff and Lloyd, which suggests a possible reconciliation between the couple.


The Galería Syra, Barcelona, mounted exhibitions of her work in 1950 and 1955, and in February 1960, she was the focus of a solo show organized by the Dirección General de Bellas Artes and on view in the department's exhibition hall in Madrid.
She was awarded🎨 the medalla de oro de Barcelona in 1964, an honor that established her connection to Spain and commemorated her contribution to Catalan culture.
The Museu Nacional d'Art de Catalunya, Barcelona, and the Museo de Art Nouveau🎨 y Art Déco, Salamanca, are two of several Spanish institutions that have collected her paintings.
Sacharoff also worked in book illustration: her projects included Colette's House of Claudine and Fyodor Dostoyevsky's Netochka Nezvanova. | © Wikipedia













Olga Nicolaevna Sacharoff (28 maggio 1889, Tbilisi, Georgia - 1967, Barcellona) era un'artista Spagnola🎨 di origine russo-persiana associata all'arte Ingenua ed al movimento surrealista.
Vita e lavoro

Olga Sacharoff (scritto anche Sakhorova, Zakharova o Zacharoff) è nato in Georgia, che all'epoca faceva parte dell'Impero russo.
 Sua madre era di origine persiana. Dopo aver studiato all'Accademia delle arti di Tbilisi, visitò Roma e viaggiò a Monaco, dove entrò in contatto con il movimento espressionista tedesco.
In Germania, ha incontrato il suo futuro marito, il fotografo e pittore Otho Lloyd.
A partire dal 1909, Sacharoff visitava regolarmente Parigi.
Nel 1912, lei e Lloyd si erano stabiliti in città e si erano sposati.
Espone frequentemente, in mostre personali e collettive, comprese le mostre annuali organizzate dal Salon d'Automne.


Inizialmente, il suo lavoro è stato influenzato da Paul Cézanne; subito dopo il suo trasferimento a Parigi, tuttavia, rimase affascinata dal cubismo radicale o sintetico.
Sia Sacharoff che Lloyd sono diventati membri attivi del circolo che si è formato attorno all'artista d'avanguardia emigrata russa Marie Vassilieff.
Lo scoppio della prima guerra mondiale costrinse Sacharoff e Lloyd a trasferirsi in Spagna. La coppia inizialmente si stabilì a Maiorca, ma si trasferì a Barcellona nel 1915 o nel 1916.


Dal 1917-1924, Sacharoff collaborò con Francis Picabia🎨 alla rivista 391, che è considerata rappresentativa del dadaismo.
Tra quegli scrittori e artisti che compaiono nei quattro numeri della rivista c'erano Guillaume Apollinaire e Marie Laurencin🎨. Durante questo periodo, Sacharoff sviluppò un colorato stile "ingenuo" influenzato da Henri Rousseau🎨.
Sacharoff ha continuato a partecipare al Salon d'Automne; il suo lavoro è stato presentato anche negli spettacoli annuali del Salon des Tuileries e della Société des Artistes Indépendants.
Sebbene il suo coinvolgimento in queste mostre le richiedesse di trascorrere molto tempo a Parigi, ha mantenuto una casa a Barcellona.
Sacharoff e Lloyd si separarono nel 1929 e, depressa dalla rottura del suo matrimonio, Sacharoff smise di dipingere per circa cinque anni. Riemerse nel 1934 con una mostra alla Galleria Layetanas di Barcellona.


Nel 1939, la Perls Galleries di New York City organizzò una mostra per due persone con dipinti di Sacharoff e Lloyd, il che suggerisce una possibile riconciliazione tra la coppia.
La Galería Syra, a Barcellona, ​​allestì mostre dei suoi lavori nel 1950 e nel 1955 e, nel febbraio 1960, fu al centro di una mostra personale organizzata dal Dirección General de Bellas Artes e in mostra nella sala espositiva del dipartimento di Madrid.
Le è stato conferito la medaglia🎨 de oro de Barcelona nel 1964, un onore che ha stabilito il suo legame con la Spagna e ha commemorato il suo contributo alla cultura catalana.
Il Museu Nacional d'Art de Catalunya, Barcellona, ​​e il Museo de Art Nouveau y Art Déco, Salamanca, sono due delle numerose istituzioni spagnole che hanno raccolto i suoi dipinti.
Sacharoff ha anche lavorato nell'illustrazione di libri: i suoi progetti includevano la Casa di Claudine di Colette e Netochka Nezvanova di Fyodor Dostoyevsky.





Nessun commento:

Inserisci un commento

Info sulla Privacy