Édouard Manet (1832-1883) 295 artworks ⁽²⁾


Édouard Manet's public career lasted from 1861, the year of his first participation in the Salon, until his death in 1883.
His extant works, as catalogued in 1975 by Denis Rouart and Daniel Wildenstein, comprise 430 oil paintings, 89 pastels, and more than 400 works on paper.
Although harshly condemned by critics who decried its lack of conventional finish, Manet's work had admirers from the beginning.
One was Émile Zola, who wrote in 1867:
"We are not accustomed to seeing such simple and direct translations of reality. Then, as I said, there is such a surprisingly elegant awkwardness ... it is a truly charming experience to contemplate this luminous and serious painting which interprets nature with a gentle brutality".





The roughly painted style and photographic lighting in Manet's paintings was seen as specifically modern, and as a challenge to the Renaissance works** he copied or used as source material. He rejected the technique he had learned in the studio of Thomas Couture - in which a painting was constructed using successive layers of paint on a dark-toned ground - in favor of a direct, alla prima method using opaque paint on a light ground.
Novel at the time, this method made possible the completion of a painting in a single sitting. It was adopted by the Impressionists, and became the prevalent method of painting in oils for generations that followed. Manet's work is considered "early modern", partially because of the opaque flatness of his surfaces, the frequent sketchlike passages, and the black outlining of figures, all of which draw attention to the surface of the picture plane and the material quality of paint.

The art historian Beatrice Farwell says:
"Manet has been universally regarded as the Father of Modernism. With Courbet he was among the first to take serious risks with the public whose favour he sought, the first to make alla prima painting the standard technique for oil painting and one of the first to take liberties with Renaissance perspective and to offer ‘pure painting’ as a source of aesthetic pleasure. He was a pioneer, again with Courbet, in the rejection of humanistic and historical subject-matter, and shared with Degas the establishment of modern urban life as acceptable material for high art".
















































La carriera pubblica di Manet durò dal 1861, anno della sua prima partecipazione al Salon, fino alla sua morte, nel 1883.
Le sue opere esistenti, catalogate nel 1975 da Denis Rouart e Daniel Wildenstein, comprendono 430 dipinti ad olio, 89 pastelli e più di 400 lavori su carta.
Sebbene duramente condannato dai critici che hanno criticato la sua mancanza di finitura convenzionale, il lavoro di Manet ha avuto ammiratori fin dall'inizio.
Uno era Émile Zola, che scrisse nel 1867:
"Non siamo abituati a vedere traduzioni così semplici e dirette della realtà, quindi, come ho detto, c'è un tale imbarazzo sorprendentemente elegante ... è un'esperienza davvero affascinante contemplare questo pittura luminosa e seria che interpreta la natura con una gentile brutalità".
Lo stile approssimativamente dipinto e l'illuminazione fotografica nei dipinti di Manet erano visti come specificamente moderni, e come una sfida per le opere del Rinascimento ha copiato o utilizzato come materiale di partenza.
Rifiutò la tecnica che aveva appreso nello studio di Thomas Couture - in cui un dipinto fu costruito usando strati successivi di pittura su un terreno dai toni scuri - in favore di un metodo diretto, alla prima, usando vernice opaca su un terreno leggero. Romanzo al tempo, questo metodo ha reso possibile il completamento di un dipinto in una sola seduta.
Fu adottato dagli impressionisti e divenne il metodo prevalente di pittura negli oli per le generazioni che seguirono.
Il lavoro di Manet è considerato "precocemente moderno", in parte a causa dell'opaca planarità delle sue superfici, dei frequenti passaggi a forma di schizzo e del contorno nero delle figure, che richiamano l'attenzione sulla superficie del piano pittorico e sulla qualità materiale della pittura.
La storica dell'arte Beatrice Farwell afferma che:
"Manet è stato universalmente considerato il padre del modernismo e con Courbet è stato tra i primi a rischiare seriamente con il pubblico di cui ha cercato il favore, il primo a fare alla prima pittura la tecnica standard per la pittura a olio e uno dei primi a prendere le libertà con la prospettiva rinascimentale e ad offrire "pittura pura" come fonte di piacere estetico. Fu un pioniere, sempre con Courbet, nel rifiuto di materie umanistiche e storiche, e condivise con Degas il l'instaurazione della vita urbana moderna come materiale accettabile per l'alta arte".




Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy

Archivio

Follow by Email