George Bellows | Ashcan School painter

Art styles ,
Author 📅 at marzo 28, 2019
George Wesley Bellows, (born Aug. 12, 1882, Columbus, Ohio, U.S. - died Jan. 8, 1925, New York, N.Y.), American painter🎨 and lithographer noted for his paintings of action scenes and for his expressive portraits and seascapes.
Bellows attended Ohio State University before moving in 1904 to New York City, where he studied at the New York School of Art under Robert Henri, leader of the group of American realist painters called The Eight.
Bellows’s early works show the influence of Henri in their dark, tonal palette, vigorous brushwork, and urban subject matter; typical of this period is Forty-Two Kids (1907), a painting of slum children swimming and diving in the East River. Bellows’s dramatic, evocative paintings of prizefights, such as Stag at Sharkey’s and Both Members of This Club (both 1909), date from this period as well; they remain among his most famous works.


In 1909 Bellows was elected an associate member of the National Academy of Design; he gained full membership in 1913.
From 1910 he taught at the Art Students League in New York. Between 1912 and 1917 he contributed illustrations to the socialist magazine The Masses.

Bellows was one of the organizers of the Armory Show of 1913, which introduced European modernist art to American artists and critics.
The show had a marked influence on Bellows, and he supported many of the avant-garde art organizations then being established, including the Society of Independent Artists, of which he was a founding director. Although he remained a realist painter, his later works reveal an intensified interest in theory.


He began to use a greater range of colour and to experiment with various compositional systems.
The subject matter of his work also changed: many of the best works from this later period are intimate portraits of friends and family members, including My Mother (1921).
He also turned increasingly to painting seascapes - notably at Monhegan Island, Maine - and rural landscapes.
From 1916 Bellows experimented with lithography, producing nearly 200 prints. Among the best known is Dempsey and Firpo (1924; he also produced a painting with this title), a boxing scene that displays the solid modeling of form and geometric approach to design characteristic of Bellows’s later paintings. | © Encyclopædia Britannica, Inc.








George Wesley Bellows (Columbus, 19 agosto 1882 РNew York, 8 gennaio 1925) ̬ stato un pittore, illustratore e litografo statunitense.
  • Biografia
George Bellows nacque a Columbus il 19 agosto 1882.
Dopo i primi studi in Ohio, nel 1904 si trasferì a New York.
In questi anni lavorò come illustratore, attività che continuò a svolgere per molti anni, anche dopo aver raggiunto il successo come pittore.
A New York si formò sotto Robert Henri🎨, ricercando uno stile che fosse una sintesi tra la tradizione realista europea e l'immediatezza espressiva per descrivere la società americana contemporanea in tutte le sue forme.
Nel 1908 Bellows cominciò a farsi notare grazie ad una mostra in cui vennero presentati soprattutto studi urbani.
Queste opere, che divisero la critica, cercano di rappresentare la moderna città americana e la vita quotidiana dei suoi abitanti, di descriverne il caos e mettere in satira la grossolanità della sua gente, di qualunque classe sociale.
Sono notevoli tecnicamente le serie di New York con la neve, in cui Bellows sviluppa un forte senso della luce e della struttura visiva.
Vi è in esse un contrasto ironico fra le distese bianche di neve e le superfici aspre e sporche delle costruzioni della città, con uomini ugualmente aspri e sporchi che lottano per ripulirsi dal fastidio della neve pura. Furono tuttavia le serie di incontri di pugilato che resero Bellows famoso.
In queste opere, caratterizzate da atmosfere oscure, le figure umane sono realizzate con colpi di pennello luminosi e duri che danno un forte senso di movimento.
Con la crescita della sua notorietà, sempre seguendo le orme del suo maestro Henri, iniziò a frequentare d'estate le isole di Monhegan e di Matinicus dipingendone paesaggi marini.
Nella prima metà degli anni dieci avvennero dei cambiamenti sia nella vita che nel lavoro di Bellows.
Oltre alla pittura, diede contributi significativi alla litografia, aiutando ad espanderne l'uso artistico negli Stati Uniti; fece anche numerose illustrazioni per libri, compresi molti di H. G. Wells. Con il prestigio crescente, ai temi soliti si affiancano i ritratti, spesso commissionati dall'etile ricca di New York, e i paesaggi marini, ispirati alle estati passate nel Maine.
In questi anni fu influenzato anche dal lavoro di Henri Matisse🎨 e dei fauves, che portarono più vigore alla sua pittura, e dalle opere di Edward Hopper🎨, un altro studente di Robert Henri. Inoltre si avvicinò ad ambienti artisti e politici radicali tendenti all'anarchismo, creando molte illustrazioni e stampe di protesta sociale; si allontanò però presto da questi movimenti per la sua opinione che la libertà artistica dovesse trionfare su qualsiasi ideologia e per il suo appoggio pubblico all'intervento degli Stati Uniti nella Prima guerra mondiale.
Durante gli anni della prima guerra mondiale fece una serie di litografie e pitture per descrivere le atrocità commesse dall'esercito tedesco, ma il suo lavoro fu altamente critico anche sulla censura e sulla persecuzione dei dissidenti pacifisti condotte dal governo degli Stati Uniti in quegli anni.
Con la fine della guerra, Bellows abbandonò i temi di denuncia sociale e si focalizzò maggiormente sulla vita domestica, con oli in cui sua moglie e le sue figlie sono i soggetti preferiti.
Queste pitture denotano un metodo sempre più programmatico e teorico del colore e del disegno, differenziandosi marcatamente rispetto alla fluida muscolarità e immediatezza delle prime opere. George Bellows morì a New York l'8 gennaio 1925 di peritonite. | © Wikipedia





Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy

Archivio