Textual description of firstImageUrl

Jane DeDecker | The Women's Suffrage Monument / Monumento al Suffragio Femminile


By Jane DeDecker / The concept of this proposed women’s monument was inspired by a letter from Elizabeth Cady Stanton to Lucretia Mott in which she wrote about the power of words and deeds:

"Every word we utter, every act we perform, waft unto innumerable circles, beyond".

I wanted to capture the collective energy from all women who have made this happen, as well as acknowledge that we still need to keep moving as we strive for equality.
When a water droplet impacts a body of water it pushes waves outward and rebounds upward as a smaller droplet. This droplet, called the daughter droplet - gains height - then falls back to the water in what is called a coalescent cascade. This describes the height, breadth, and lasting impact of the Suffragists’ work.
The composition centrally places Susan B. Anthony and Elizabeth Cady Stanton writing the Declaration of Sentiments. This friendship holds the beginning of the women’s movement, the drop of water coalescing its impact on US history. Elizabeth Cady Stanton and Susan B. Anthony writing the Sentiments forms a unified force that truly speaks of the oneness of their purpose.




Their words, speeches and wisdom launched a worldwide, peaceful revolution. Even today, these two women offer us the courage and the tools to be the stewards of human rights.

The young Harriet Stanton Blatch, represents the future. She is nestled beside her mother. She has a look of intensity. She feels it. She absorbs her mother’s words while holding onto a bonnet, a symbol of the suffragist she will become.
Her gaze is to the future - to the horizon - looking to a place where women - together - will turn the world "right side up again". In my composition, I have sculpted her in her early 50’s,around the time she would have delivered her seminal speech, "Ain’t I a Woman?"
Within the composition, she is the guardian of the belief that women should have the right to vote.
Their words, speeches and wisdom launched a worldwide, peaceful revolution.
Even today, these two women offer us the courage and the tools to be the stewards of human rights.

Alice Paul and Ida B. Wells are at the peak of the coalescence, one in their mission. Although these two women would not have marched side by side, their juxtaposition at the height of the sculpture, symbolizes their shared vision of equal rights. Neither one of these women would take no for an answer. They rise, the next generation of the movement, the "Daughters" who were victorious in the ratification of the Nineteenth Amendment.


Ida B. Wells is holding the flag of We the People. Standing on the shoulders of giants, these women were elevated by what came before.The open gesture of her hand outstretched to the other women around her in this monument reinforces the invitation to join the cause.
From this height, Alice Paul drapes the ratification flag down, the coalescent cascade, to the innumerable circles that ripple outwards.
The portrait of Paul is inspired by the photo of her draping the ratification flag with its 36th star over the balcony of the suffrage headquarters in Washington D.C. I chose to depict Paul in that celebratory
moment to capture the monumental triumph of the Nineteenth Amendment, an accumulation of the efforts of thousands of American women.

Ida B. Wells began her career as an activist at a young age. She fervently rallied against the practice of lynching even with the threat of being lynched herself. She was known for using her pen and voice to battle sexism, racism, and violence. In this sculpture Wells stands proudly with a flag of the United States, representing the hope for justice and the rights of every human being.






Il concetto di questo monumento femminile proposto è stato ispirato da una lettera di Elizabeth Cady Stanton a Lucretia Mott in cui ha scritto sul potere delle parole e delle azioni:

"Ogni parola che pronunciamo, ogni atto che eseguiamo, si diffonde in innumerevoli cerchi, oltre".

Volevo catturare l'energia collettiva di tutte le donne che hanno realizzato questo, oltre a riconoscere che dobbiamo ancora continuare a muoverci mentre ci battiamo per l'uguaglianza.
Quando una goccia d'acqua colpisce un corpo d'acqua spinge le onde verso l'esterno e rimbalza verso l'alto come una goccia più piccola. Questa gocciolina, chiamata gocciolina figlia - guadagna altezza - quindi ricade nell'acqua in quella che viene chiamata cascata coalescente. Questo descrive l'altezza, l'ampiezza e l'impatto duraturo del lavoro dei Suffragisti.
La composizione colloca al centro Susan B. Anthony ed Elizabeth Cady Stanton che scrivono la Dichiarazione dei sentimenti. Questa amicizia segna l'inizio del movimento delle donne, la goccia d'acqua che unisce il suo impatto sulla storia degli Stati Uniti.
Elizabeth Cady Stanton e Susan B. Anthony che scrivono i Sentiments formano una forza unificata che parla veramente dell'unicità del loro scopo.
Le loro parole, discorsi e saggezza hanno lanciato una rivoluzione pacifica mondiale. Ancora oggi queste due donne ci offrono il coraggio e gli strumenti per essere custodi dei diritti umani.


La giovane Harriet Stanton Blatch, rappresenta il futuro. È accoccolata accanto a sua madre. Ha uno sguardo intenso. Lo sente. Assorbe le parole di sua madre mentre tiene una cuffia, un simbolo della suffragista che diventerà.

Il suo sguardo è rivolto al futuro - all'orizzonte - guardando a un luogo dove le donne - insieme - capovolgeranno il mondo "di nuovo dalla parte giusta". Nella mia composizione, l'ho scolpita nei suoi primi anni '50, più o meno nel periodo in cui avrebbe pronunciato il suo discorso fondamentale, "Non sono una donna?" All'interno della composizione, è la custode della convinzione che le donne dovrebbero avere il diritto di voto. Le loro parole, discorsi e saggezza hanno lanciato una rivoluzione pacifica a livello mondiale. Ancora oggi queste due donne ci offrono il coraggio e gli strumenti per essere custodi dei diritti umani.

Alice Paul ed Ida B. Wells sono al culmine della coalescenza, uno nella loro missione. Sebbene queste due donne non avrebbero marciato fianco a fianco, la loro giustapposizione all'altezza della scultura, simboleggia la loro visione condivisa della parità di diritti. Nessuna di queste donne avrebbe accettato un no come risposta. Si alzano, la generazione successiva del movimento, le "Figlie" che hanno vinto la ratifica del Diciannovesimo Emendamento.

Ida B. Wells tiene la bandiera di We the People. In piedi sulle spalle di giganti, queste donne sono state elevate da ciò che è accaduto prima. Il gesto aperto della sua mano tesa verso le altre donne intorno a lei in questo monumento rafforza l'invito a unirsi alla causa.


Da questa altezza, Alice Paul drappeggia la bandiera della ratifica, la cascata coalescente, verso gli innumerevoli cerchi che si increspano verso l'esterno.

Il ritratto di Paul è ispirato alla foto di lei che drappeggia la bandiera della ratifica con la sua 36-a stella sul balcone del quartier generale del suffragio a Washington DC.
Ho scelto di raffigurare Paolo in quel celebrativo momento per catturare il monumentale trionfo del diciannovesimo emendamento, un accumulo degli sforzi di migliaia di donne americane.

Ida B. Wells ha iniziato la sua carriera come attivista in giovane età. Si è schierata con fervore contro la pratica del linciaggio anche con la minaccia di essere linciata lei stessa. Era nota per aver usato la sua penna e la sua voce per combattere il sessismo, il razzismo e la violenza. In questa scultura Wells si erge orgoglioso con una bandiera degli Stati Uniti, che rappresenta la speranza per la giustizia ed i diritti di ogni essere umano.