29/08/21

Textual description of firstImageUrl

Claude Monet | Frost, 1875

Standing side by side, Claude Monet and Pierre-Auguste Renoir painted the same view of this garden in winter.
Both used finely nuanced shades of brown and blue, although Monet added an element of warmth to his view by means of yellowish light and a touch of red.
He executed the branches with strong brushstrokes, while Renoir’s depiction of the bushes is more filigree (Musée de l’Orangerie, Paris).
More than any other Impressionist, Claude Monet was fascinated by colored reflections on surfaces covered in snow, frost, ice, or hoarfrost.


Around 140 winter paintings are documented in his oeuvre-a predilection inspired by similar motifs in the colored Japanese woodcuts he enthusiastically collected.

"Frost" belongs to a group of eighteen landscapes painted by Monet in the winter of 1874-75 during his time in Argenteuil.
Although many of them show the town after the unusually heavy snowfall of December 1874, this painting was probably made in January or February of 1875.
In the left half of the picture, the variegated blue tones of the hoarfrost-covered meadow contrast with the brown and orange of the trees, while the glowing white façades of the houses in the background set a stark accent.
As so often in Monet’s work, the composition lacks the distinct focal point required by the conventions of academic landscape painting.
The unusual division of the image into shaded and sunlit halves evokes an interplay between foreground and background elements.
In the four-volume catalogue raisonné of Monet’s paintings compiled by Daniel Wildenstein, Frost is listed as no. 363 (vol. 2, p. 149).
Other winter scenes from the same series are now in collections including the Museum of Fine Arts in Boston, the Nelson-Atkins Museum of Art in Kansas City and the Kunstmuseum Basel. | by Daniel Zamani - Museum Barberini, Potsdam

Claude Monet | Self portrait, 1886

Fianco a fianco, Claude Monet e Pierre-Auguste Renoir hanno dipinto la stessa veduta di questo giardino in inverno.
Entrambi usavano sfumature finemente sfumate di marrone e blu, sebbene Monet aggiungesse un elemento di calore alla sua vista attraverso la luce giallastra e un tocco di rosso.
Ha eseguito i rami con forti pennellate, mentre la rappresentazione dei cespugli di Renoir è più filigranata (Musée de l'Orangerie, Parigi).

Più di ogni altro impressionista, Claude Monet era affascinato dai riflessi colorati sulle superfici coperte di neve, brina, ghiaccio o brina. Nella sua opera sono documentati circa 140 dipinti invernali, una predilezione ispirata a motivi simili nelle xilografie giapponesi colorate che ha raccolto con entusiasmo.

"Frost" appartiene ad un gruppo di diciotto paesaggi dipinti da Monet nell'inverno del 1874-1875 durante il suo soggiorno ad Argenteuil.
Sebbene molti di loro mostrino la città dopo la nevicata insolitamente abbondante del dicembre 1874, questo dipinto è stato probabilmente realizzato nel gennaio o febbraio del 1875.
Nella metà sinistra dell'immagine, i toni blu variegati del prato coperto di brina contrastano con il marrone e l'arancione degli alberi, mentre le facciate bianche e luminose delle case sullo sfondo creano un forte accento.
Come spesso accade nell'opera di Monet, la composizione manca del punto focale distinto richiesto dalle convenzioni della pittura paesaggistica accademica. L'insolita divisione dell'immagine in metà ombreggiate ed illuminate dal sole evoca un'interazione tra elementi in primo piano e sullo sfondo.
Nel catalogo ragionato in quattro volumi dei dipinti di Monet compilato da Daniel Wildenstein, Frost è elencato come n. 363 (vol. 2, p. 149).
Altre scene invernali della stessa serie sono ora in collezioni tra cui il Museum of Fine Arts di Boston, il Nelson-Atkins Museum of Art di Kansas City ed il Kunstmuseum Basel. Daniel Zamani

Claude Monet | Frost at Giverny, 1885