03/09/17

Textual description of firstImageUrl

Carlo Maria Mariani, 1931 | Pittore metafisico

Carlo Maria Mariani (Roma, 25 luglio 1931) è un pittore Italiano.

Biografia

Carlo Maria Mariani frequenta in gioventù i corsi dell'Istituto d'Arte e nel 1955 consegue il diploma presso l'Accademia di Belle Arti di Roma. Dopo il diploma, Mariani lavora dapprima nell'abito della pittura murale e alla fine degli anni Sessanta comincia ad esporre le proprie opere di cavalletto.
La prima mostra importante di Carlo M. Mariani è del 1975; da allora si sono susseguite numerose esposizioni nelle sedi più importanti del mondo: Documenta, Kassel; Centre George Pompidou, Paris; Hirshorn Museum, Washington D.C.; Museum of Modern Art, New York; San Francisco Museum of Modern Art; Mathildenhohe Darmstadt; Los Angeles County Museum of Art; Frankfurt Kunstverein; GNAM, Roma; Palais des Beaux Art, Charleroi; Biennale di Venezia; California Center for the Arts; Frye Museum, Seattle; Ostende Museum of Modern Art; Quadriennale di Roma; Philadelphia Museum of Art; Museo di Palazzo Te, Mantova; Smithsonian National Portrait Gallery, Washington. L'artista risiede a New York dal 1993.



Caratteristiche stilistiche

Carlo M. Mariani crea opere la cui concezione si rifà all'arte classica: dell'antica Grecia e antica Roma. Pur senza copiare direttamente da opere del passato.
Questa caratteristica rende Mariani un pittore in linea con le caratteristiche della pittura di fine anni Settanta: un momento in cui la "Tradizione del nuovo", portata avanti dal Minimalismo e dall'Arte concettuale, aveva esaurito le proprie energie, spingendo i nuovi artisti a rifarsi alle forme della pittura "Classica" dei maestri dal XV al XVII secolo.
Mariani è considerato un esponente di punta dell'Anacronismo e della pittura colta teorizzata dal critico Italo Mussa negli anni ottanta, ed uno dei Maestri contemporanei riconosciuti a livello internazionale.

Riconoscimenti

Nel 1998 l'Accademia dei Lincei gli ha conferito il Premio Feltrinelli per la Pittura | © Wikipedia.