Betto Lotti (Italian Expressionist painter, 1894-1977)


Benedetto (Betto) Lotti (Taggia, July 12, 1894 - Como, 1977) was an Italian painter⏭ and engraver who belonged to the art movement called Novecento Italiano.
Family and early life
Betto Lotti was the son of Vincenzo, art teacher, headmaster and painter, and Vittoria dei Marchesi Curlo, both coming from the region of Liguria. Due to fact that his father was working for the state, the family was constrained to move constantly and the young man had to attend schools in different Italian cities.
He began his studies in Porto Maurizio (Imperia), and then at the Art School in Venice. He was a student of such well-known painters as Guglielmo Ciardi and Ettore Tito. Later on the family moved to Bologna and finally to Florence, where Lotti, a student of great masters, finished his studies.




The Florence years
The young Betto Lotti dedicated himself to mastering his style, especially in charcoal drawing, oil painting and engravings at the Academy of Florence; therein he met Ottone Rosai who became his great friend, and with whom he shared the enthusiasm and experience of the period between 1911-1914.
In 1913 the two young artists held together their first exhibition at the Cavour Gallery in Florence, displaying 14 paintings each.
The fathers of Futurism, Filippo Tommaso Marinetti, Carlo Carrà⏩ e Umberto Boccioni⏩ attended the exhibition and were impressed by the works of young artists.
After this episode the Florentine chronicles started to show profound interest in the two young people. The success both with critics and audience was remarkable. In the works displayed, Lotti opted for stylised female figures that seemed almost visions or ghosts, intrepid somber backgrounds, disturbing reflections of profiles and faces .
The expressionist style of the young artists was defined by some critics of Florentine art as "sensibilism".
Engravings
In the technical realization of the etchings, honed during the years of the Academy, Betto Lotti showed an untimely natural inclination. His first collective exhibitions, in fact, got noteworthy acknowledgement. 
He was awarded⏩ the Second Prize from the Ministry of Education in Florence in 1912. 
The activity lasted for about a decade and culminated in 1922, when Lotti was selected among the artists featured at the Exhibition of Tuscan engravers in Montreal, Canada.


The Great War
Betto Lotti was drafted into the army and, in early 1915 sent to the front where he remained until he was wounded and imprisoned.
In June 1917 he was interned in the concentration camp of Sigmundserberg in Austria but, despite detention, he got back to drawing and managed to get appreciation even from the enemy’s authorities. He was soon invited to create an exhibition of his works of art in Vienna. The exhibition was a great success both with public and critics, and all the works were sold out.
Return to Florence
After being repatriated in September 1918, Lotti returned to Florence with the intention to go back to work as soon as possible.
He was in fact hired as a designer and modeler of plastiques at the Military Geographic Institute of Florence; he started teaching art subjects and creating sets for the performances at the Municipal Theatre in Florence, but above all, he set up a long and fruitful activity in the field of journalism, working with the newspaper "La Nazione" and writing art critiques.
Throughout the following decade Lotti intensified this activity, in particular with the magazine "Gran Bazar", and after adopting "Eclettica", Lotti became its first co-director and then director for some period of time.
These were the years of great cultural upheaval Lotti was attending an artistic caffè of Red Coats where he met his old friends, great writers and artists such as Ottone Rosai, Achille Lega, Giovanni Papini, Soffici and Bruno Fallaci.
He was involved in a wide range of activities and mastered his skills in various forms of art, both in Italy and abroad. He started creating billboards for the French company Vercasson Paris. These images, in particular Lotti Clowns (as they have been nicknamed) became a part of vintage poster network, bringing Lotti international fame.



The landing in Lombardy
In 1934 Lotti got the teaching position and had to abandon "his" Florence in order to move to Lombardy, the region which has remained his home . After two years in Stradella (Pavia), he moved to Como . He got married to Professor Angiola Faravelli and they had two daughters. Surrounded by magnificent lake, Lotti carried on teaching with great commitment, while dedicating himself to art. He established profound friendship with abstract artists of "Gruppo Como" such as Rho, Radice, Galli and Badiali, and while not adhering to radical theories of the rationalists, he shared his experience and discoveries with them.
The maturity of the artist reached its peak in those decades, confirming the full membership of Betto Lotti in Italian art movement, born in the twenties and defined as Novecento . The main themes, especially in oil paintings, were the landscape and open spaces, drawn with a warm poetic vision that transformed them in spiritual places. In the last decade of his life, Lotti’s commitment as an artist and his participation in collective and solo exhibitions were very active. Betto Lotti died in Como on April 13, 1977, at the age of nearly 83 years.
The Work of Art
Betto Lotti has left an indelible imprint of great value during more than forty years spent in Como:
  • from 1934-1977, he participated in almost all collective exhibitions held in Lombardy, such as Suzzara Prize or the Angelicum in Milan;
  • He organized solo exhibitions in almost all the cities of Lombardy (Milan, Bergamo, Lecco, Varese, Como, to name a few);
  • as an illustrator,he participated in the contest for the poster of Visconti Castle of Pavia in 1937, where he won the first prize;
  • He was one of the founders and the vice president of the Fine Arts Association in Como;
  • he won numerous awards⏩, gold medals and diplomas in his field, the list of which can be found in the artist's official monograph;
  • he was appointed a member of important institutions of the world of art, for example cultural institution La Permanente in Milan in 1946, Academia Latinitati Excolendae of Rome in 1959 and Academia Tiberina in Rome in 1960.
He was awarded⏩ the Order of Merit for Culture and Art by The Ministry of Education in 1963. The President Saragat appointed him Knight of the Republic in 1965.



… In the changing moments of eternity, I have been trying to seize the landscape of our land, made of spirituality and kindness, full of infinite faces continuously longing for love . That is the true heart of my work.. - Betto Lotti, Memorie 
« … il paesaggio delle nostre terre, fatto di spiritualità e di gentilezza, ricco di infiniti volti bisognosi di indagine amorosa che ho tentato di cogliere nei mutevoli attimi di eternità, costituisce il nucleo della mia opera» - Betto Lotti, Memorie

















Benedetto (Betto) Lotti (Taggia, 12 luglio 1894 - Como, 1977) è stato un pittore e incisore italiano⏩ appartenente al movimento artistico del Novecento.
Benedetto (Betto) Lotti è figlio di Vincenzo, professore di disegno, preside e pittore, e di Vittoria dei Marchesi Curlo, entrambi liguri. L’incarico statale del padre costringe la famiglia a numerosi spostamenti e ciò obbliga il giovane a frequentare gli istituti scolastici in diverse importanti città italiane. Inizia pertanto gli studi a Porto Maurizio (Imperia) e successivamente al Liceo Artistico di Venezia, allievo di Guglielmo Ciardi ed Ettore Tito, entrambi noti pittori. La famiglia si sposta poi a Bologna ed infine a Firenze dove Lotti conclude il percorso formativo, allievo di grandi maestri.

All’Accademia di Firenze Betto Lotti si dedica al perfezionamento del suo stile, in particolare nel carboncino, nella pittura a olio e nell’incisione; ivi incontra Ottone Rosai che diviene suo grande amico e con il quale condivide gli entusiasmi e le esperienze degli anni compresi tra il 1911-1914.

Nel 1913 i due giovani artisti, insieme, tengono la prima mostra personale presso la Galleria Cavour a Firenze presentando 14 dipinti ciascuno.

I padri del Futurismo come Filippo Tommaso Marinetti, Carlo Carrà⏩ e Umberto Boccioni⏩ visitano la mostra restandone colpiti ed esprimendo tutto il loro apprezzamento. Anche grazie a questo episodio divenuto noto, le cronache fiorentine iniziano ad interessarsi profusamente ai due giovani e il successo di critica e di pubblico è notevole.

Nelle opere esposte Lotti predilige figure femminili stilizzate che sembrano quasi visioni o fantasmi, sfondi arditi dalle tonalità cupe, profili e volti dai riflessi inquietanti. Lo stile espressionista di quei giovani artisti viene definito da alcuni critici d’arte fiorentini dell’epoca con il nome di “sensibilismo”.
  • Attività di incisore
Nella tecnica di realizzazione delle acqueforti, perfezionata durante gli anni dell’Accademia, Betto Lotti mostra una precoce inclinazione naturale. Alle prime esposizioni collettive, infatti, ottiene importanti riconoscimenti come il 2º Premio Ministero della Pubblica Istruzione a Firenze nel 1912. L’attività dura circa un decennio e culmina nel 1922 quando Lotti viene selezionato tra gli artisti presenti all’Esposizione di incisori toscani a Montreal a in Canada.
  • La Grande Guerra
Betto Lotti è chiamato alle armi e, agli inizi del 1915, è inviato al fronte dove rimane fino a quando viene ferito e fatto prigioniero. Nel giugno del 1917 è internato nel campo di concentramento di Sigmundserberg nella bassa Austria ma, pur in stato di detenzione, riprende a disegnare riscuotendo apprezzamenti persino dalle Autorità nemiche che lo invitano a realizzare una mostra di sue opere d’arte a Vienna. L’esposizione riscuote un grande successo di pubblico e di critica e tutte le opere vengono vendute.
  • Il ritorno a Firenze
Rimpatriato nel settembre del 1918, Lotti fa ritorno a Firenze con il proposito di entrare al più presto nel mondo del lavoro. È infatti assunto come disegnatore e modellatore di plastici presso l’Istituto Geografico Militare di Firenze; inizia a insegnare materie artistiche; crea scenografie per le opere presentate al Teatro Comunale di Firenze, ma soprattutto inizia una lunga e proficua attività nel campo del giornalismo collaborando con il quotidiano “La Nazione” e scrivendo critiche d’arte. In tutto il decennio successivo Lotti intensifica questa attività, in particolare con la rivista “Gran Bazar” e quando questa testata muta in “Eclettica”, ne diviene prima condirettore e per un periodo anche direttore.

Sono anni di grande fermento culturale (Lotti torna a frequentare il caffè storico artistico delle Giubbe Rosse ritrovando i suoi vecchi amici, grandi letterati e artisti come Ottone Rosai, Achille Lega, Giovanni Papini, Ardengo Soffici e Bruno Fallaci e di attività ad ampio raggio che portano il giovane artista a cimentarsi in svariate forme artistiche sia in Italia sia all’estero, realizzando per esempio cartelloni pubblicitari per l’azienda francese Vercasson Paris. Tali immagini, in particolare il Lotti Clown (come è stata soprannominato questo iconico manifesto pubblicitario) sono entrate nel circuito dei poster vintage dando al nome di Lotti notorietà internazionale.
  • L'approdo in Lombardia
Nel 1934 Lotti ottiene la cattedra di ruolo per l’insegnamento del disegno, dovendo così abbandonare la “sua” Firenze per spostarsi in Lombardia, regione che lo ospita per il resto della sua vita. Dopo due anni trascorsi a Stradella (Pavia), viene trasferito a Como che da quel momento diviene la sua città. Si sposa con la professoressa Angiola Faravelli dalla quale ha due figlie.
Sulle rive del lago Lotti porta avanti l’insegnamento con serietà e impegno e parimenti si dedica alla sua attività artistica.
Si lega così in profonda amicizia con gli astrattisti del “Gruppo Como”, come Rho, Radice, Galli e Badiali e pur non aderendo alle teorie radicali dei razionalisti, condivide con loro esperienze e scoperte. La maturità dell’artista si realizza pienamente in questi decenni confermando la completa adesione di Betto Lotti al movimento artistico italiano definito Novecento e nato negli anni venti. I soggetti principali, soprattutto nei dipinti a olio, sono il paesaggio e gli spazi aperti, tracciati con una calda visione poetica che li trasforma in luoghi dello spirito.
  • Ultimi anni
Lotti lascia l’insegnamento alla fine del 1964, per raggiunti limiti di età. Nell’ultimo decennio della sua vita la produzione artistica non si interrompe e anche la partecipazione alle mostre collettive e personali è continua.
  • L'opera
Betto Lotti ha lasciato un’impronta di indubbio valore negli oltre quarant’anni trascorsi a Como: dal 1934 al 1977, ha partecipato a quasi tutte le mostre collettive indette in Lombardia, come il premio Suzzara o l’Angelicum a Milano; ha organizzato mostre personali in quasi tutte le città lombarde (Milano, Bergamo, Lecco, Varese, Como, per citarne alcune); come illustratore, ha partecipato al concorso per cartellone al Castello Visconteo di Pavia nel 1937, vincendo il primo premio; è tra i soci fondatori e per molti anni vicepresidente dell’Associazione Belle Arti di Como; ha vinto premi, medaglie d’oro e diplomi per motivi artistici il cui elenco è consultabile nella monografia ufficiale dell’artista; è stato nominato membro di importanti istituzioni del mondo dell’arte, per esempio dell’Ente culturale La Permanente di Milano nel 1946, dell’Accademia Latinitati Excolendae di Roma nel 1959 e dell’Accademia Tiberina di Roma nel 1960.
Il Ministero della Pubblica Istruzione gli ha riconosciuto la medaglia d’oro nel 1963, come benemerito per la cultura e per l’arte; il presidente Saragat lo ha nominato Cavaliere della Repubblica nel 1965.






Nessun commento:

Posta un commento

Info sulla Privacy