Textual description of firstImageUrl

Camille Corot (1796-1875) | Paysages | Page 1


Jean-Baptiste-Camille Corot🎨 is a pivotal figure in landscape painting. In his long and productive life, he painted over 3,000 paintings. His work simultaneously references the Neo-Classical tradition and anticipates the plein-air innovations of Impressionism.
Of him Claude Monet🎨 exclaimed in 1897, "There is only one master here - Corot. We are nothing compared to him, nothing".


His contributions to figure painting are hardly less important; Degas🎨 preferred his figures to his landscapes, and the classical figures of Picasso🎨 pay overt homage to Corot's influence.
Historians have divided his work into periods, but the points of division are often vague, as he often completed a picture years after he began it.
In his early period, he painted traditionally and "tight" - with minute exactness, clear outlines, thin brush work, and with absolute definition of objects throughout, with a monochromatic underpainting or ébauche.
After he reached his 50th year, his methods changed to focus on breadth of tone and an approach to poetic power conveyed with thicker application of paint; and about 20 years later, from about 1865 onwards, his manner of painting became more lyrical, affected with a more impressionistic touch.


In part, this evolution in expression can be seen as marking the transition from the plein-air paintings of his youth, shot through with warm natural light, to the studio-created landscapes of his late maturity, enveloped in uniform tones of silver.
In his final 10 years he became the "Père (Father) Corot" of Parisian artistic circles, where he was regarded with personal affection, and acknowledged as one of the five or six greatest landscape painters the world had seen, along with Meindert Hobbema, Claude Lorrain🎨, J.M.W. Turner🎨 and John Constable🎨.













Jean-Baptiste-Camille Corot🎨 è una figura chiave nella pittura di paesaggio.
Nella sua lunga e produttiva vita, dipinse oltre 3.000 dipinti.
Il suo lavoro fa contemporaneamente riferimento alla tradizione neoclassica e anticipa le innovazioni plein-air dell'impressionismo.
Di lui Claude Monet esclamò nel 1897: "C'è solo un maestro qui: Corot. Non siamo nulla in confronto a lui, niente".
I suoi contributi alla pittura di figure non sono affatto meno importanti; Degas preferiva le sue figure ai suoi paesaggi, e le figure classiche di Picasso rendono apertamente omaggio all'influenza di Corot.
Gli storici hanno diviso il suo lavoro in periodi, ma i punti di divisione sono spesso vaghi, poiché spesso ha completato un quadro anni dopo averlo iniziato.
Nei suoi primi anni, dipingeva tradizionalmente e "stretto", con esattezza minuta, contorni chiari, pennellate sottili e con assoluta definizione di oggetti dappertutto, con una pittura monocromatica.


Dopo aver raggiunto il suo 50° anno, i suoi metodi cambiarono per concentrarsi sull'ampiezza del tono e un approccio al potere poetico trasmesso con un'applicazione più spessa di vernice; e circa 20 anni dopo, a partire dal 1865 circa, il suo modo di dipingere divenne più lirico, influenzato da un tocco più impressionistico.
In parte, questa evoluzione espressiva può essere vista come il segno della transizione dai dipinti plein-air della sua giovinezza, attraversati da una calda luce naturale, ai paesaggi creati in studio della sua tarda maturità, avvolti da uniformi toni d'argento.
Nei suoi ultimi 10 anni è diventato il "Père (padre) Corot" dei circoli artistici parigini, dove è stato considerato con affetto personale e riconosciuto come uno dei cinque o sei più grandi pittori di paesaggi che il mondo avesse visto, insieme a Meindert Hobbema, Claude Lorrain, JMW Turner e John Constable.






Nessun commento:

Inserisci un commento

Info sulla Privacy