Textual description of firstImageUrl

Camille Corot (1796-1875) | Paysages | Page 2


In the 1860s, Jean-Baptiste-Camille Corot🎨 became interested in photography, taking photos himself and becoming acquainted with many early photographers, which had the effect of suppressing his painting palette even more in sympathy with the monochromatic tones of photographs.
This had the result of making his paintings even less dramatic but somewhat more poetic, a result which caused some critics to cite a monotony in his later work.


Théophile Thoré wrote that Corot "has only a single octave, extremely limited and in a minor key; a musician would say. e knows scarcely more than a single time of day, the morning, and a single color, pale grey".
Corot responded: "What there is to see in painting, or rather what I am looking for, is the form, the whole, the value of the tones...That is why for me the color comes after, because I love more than anything else the overall effect, the harmony of the tones, while color gives you a kind of shock that I don’t like. Perhaps it is the excess of this principal that makes people say I have leaden tones".
In his aversion to shocking color, Corot sharply diverged from the up-and-coming Impressionists, who embraced experimentation with vivid hues.


















Nel 1860, Jean-Baptiste-Camille Corot🎨 si interessò alla fotografia, scattando foto e conoscendo molti dei primi fotografi, che ebbe l'effetto di sopprimere ancora di più la sua tavolozza pittorica in sintonia con i toni monocromatici delle fotografie.
Ciò ebbe il risultato di rendere i suoi dipinti ancora meno drammatici ma un po 'più poetici, un risultato che fece sì che alcuni critici citassero una monotonia nelle sue opere successive. 
Théophile Thoré scrisse che Corot "ha una sola ottava, estremamente limitata e in una chiave minore; direbbe un musicista. Sa poco più di una sola ora del giorno, la mattina e un solo colore, grigio chiaro".
Corot rispose: "Quello che c'è da vedere nella pittura, o piuttosto quello che sto cercando, è la forma, il tutto, il valore dei toni ... Ecco perché per me il colore viene dopo, perché amo più di ogni altra cosa il generale effetto, l'armonia dei toni, mentre il colore ti dà una specie di shock che non mi piace. Forse è l'eccesso di questo principio che induce le persone a dire che ho toni di piombo".
Nella sua avversione per il colore scioccante, Corot si scostò nettamente dagli impressionisti emergenti, che abbracciarono la sperimentazione con tonalità vivide.








Nessun commento:

Inserisci un commento

Info sulla Privacy