Textual description of firstImageUrl

Camille Pissarro | Le Marché de Gisors, Grande-Rue, 1885



On Monday mornings, Camille Pissarro often joined his wife Julie and a couple of their children, with some household helpers, for the two-and-a-half-mile excursion from their home in Éragny to attend market day in Gisors, a town of about four thousand inhabitants further down the Epte River.
While Julie stocked up on produce and provisions for the coming week, Pissarro sketched the many people from Gisors and nearby villages who gathered among the stalls set up on the Grand-Rue (today the rue de Vienne) near the town hall, as they engaged in selling, buying, or bartering, exchanging news, and socializing during this all-important, weekly communal event.


The simple human interaction in this pre-capitalist exchange of goods appealed to Pissarro’s life-long dedication to the fundamental principles of non-violent anarchist theory: egalitarianism, freedom from tyranny, the satisfaction derived from honest, unexploited labor, and a belief in the evolution of society toward a more peaceable and harmonious condition.
From the drawn studies Pissarro elaborated a key theme in his later oeuvre - le marché, the market scene. He typically peopled these pictures with more figures in various postures than a viewer can readily count.
The artist completed between 1880-1901 around three dozen gouaches and pastels of this kind, as well as numerous other works on paper, including prints.
The present Le Marché de Gisors is one of only five versions of this genre that Pissarro painted in oils on canvas; none is more than 32 inches (82 cm.) in height.
Pissarro intended to market these socially-themed pictures to a wide public. In the hope of appealing to buyers of lesser means, who shied away from the prices dealers asked for large oil paintings, he valued these more modestly scaled scenes, in oil or gouache, at affordable levels.
The initial public appearance of the market subject in Pissarro’s work were three gouaches, painted in Pontoise, which the artist included in the Seventh Impressionist Exhibition, 1882.
The present canvas, completed several years later, is the first of the three that Pissarro painted in Éragny, his final home (the others are Pissarro and Durand-Ruel Snollaerts, no. 1013 [1893] and no. 1097 [1895]).
The figures in Pissarro’s market scenes are predominantly women, in important roles as both providers and consumers.
The artist understood the powerful matriarchal impetus that still shaped agrarian society at that time, as it had in antiquity and prehistory as well. | © Christie's


Il lunedì mattina, Camille Pissarro si univa spesso a sua moglie Julie e ad una coppia di loro figli, con alcuni aiutanti domestici, per l'escursione di due miglia e mezzo da casa loro a Éragny per partecipare alla giornata di mercato a Gisors, una città di circa quattromila abitanti più avanti lungo il fiume Epte.
Mentre Julie faceva scorta di prodotti e provviste per la prossima settimana, Pissarro ha disegnato le molte persone di Gisors e dei villaggi vicini che si sono radunati tra le bancarelle allestite sulla Grand-Rue (oggi la rue de Vienne) vicino al municipio, mentre si impegnavano nel vendere, comprare o barattare, scambiare notizie e socializzare durante questo importantissimo evento settimanale settimanale.
La semplice interazione umana in questo scambio di beni pre-capitalista ha attirato la dedizione di Pissarro per tutta la vita ai principi fondamentali della teoria anarchica non violenta: egalitarismo, libertà dalla tirannia, la soddisfazione derivata dal lavoro onesto e non sfruttato e la convinzione nel evoluzione della società verso una condizione più pacifica e armoniosa.
Dagli studi disegnati Pissarro ha elaborato un tema chiave nella sua opera successiva: il mercato, la scena del mercato.
In genere ha popolato queste immagini con più figure in varie posture di quante uno spettatore possa facilmente contare.
L'artista completò tra il 1880-1901 circa tre dozzine di guazzi e pastelli di questo tipo, oltre a numerose altre opere su carta, tra cui le stampe.
L'attuale Le Marché de Gisors è una delle sole cinque versioni di questo genere che Pissarro dipinse a olio su tela; nessuno è più di 32 pollici (82 cm.) di altezza. Pissarro intendeva commercializzare queste immagini a tema sociale per un vasto pubblico.
Nella speranza di attirare gli acquirenti di mezzi minori, che evitavano i prezzi richiesti dai commercianti per i grandi dipinti ad olio, valutava queste scene più modeste, a olio o tempera, a livelli abbordabili.
La prima apparizione pubblica del soggetto di mercato nell'opera di Pissarro furono tre gouaches, dipinti a Pontoise, che l'artista includeva nella settima mostra impressionista, 1882.
La tela attuale, completata diversi anni dopo, è la prima delle tre in cui Pissarro dipinse Éragny, la sua ultima dimora (gli altri sono Pissarro e Durand-Ruel Snollaerts, n. 1013 [1893] e n. 1097 [1895]).
Le figure nelle scene di mercato di Pissarro sono prevalentemente donne, in ruoli importanti sia come fornitori che come consumatori.
L'artista capì il potente slancio matriarcale che a quel tempo modellava ancora la società agraria, come pure nell'antichità e nella preistoria. | © Christie's




Nessun commento:

Inserisci un commento

Info sulla Privacy