Textual description of firstImageUrl

Canaletto | The Molo Seen from the San Marco Basin, 1730


Canaletto | The Molo Seen from the San Marco Basin, 1730 | Louvre Museum, Paris

Canaletto (1697-1768)🎨 painted some ten versions of this subject, the most similar to this one being in the Uffizi in Florence.
The prototype for the series can be dated to around 1730.
Beginning in the 15th century, and especially in the 18th century, Venetian painters delighted in depicting parts of their city in exact detail.
The Rome-trained painter Luca Carlevaris (1663-1730) adopted the tradition in Venice and handed it on to his apprentice Antonio Canal, who combined it with experience gained from his father, a theatre set designer.

Canaletto | A self-portrait with Saint Pauls in the Background, 1746

Canaletto's views of Venice are lively and picturesque.
This work from the artist's mature period was doubtless one of the commissions flooding in from clients, many of them English, who were undertaking the Grand Tour of Europe.
Here, Canaletto uses a personal technique, covering his canvas with blue before using a camera obscura to obtain exact shapes and perspective directly from real life.
While his rival Francesco Guardi🎨 adopted a more baroque and unorthodox approach, Canaletto worked with a classical rigor that neither undermined his poetic message nor impeded his quite considerable success. | © Musée du Louvre, Paris

Canaletto | Veduta del bacino di San Marco dalla punta della Dogana | Pinacoteca di Brera

Canaletto | The Molo from the Basin of San-Marco Venice, 1747-1750 | San Diego Museum of Art, California

Canaletto (1697-1768)🎨 dipinse una decina di versioni di questo argomento, la più simile a questa negli Uffizi di Firenze.
Il prototipo della serie può essere datato intorno al 1730.
A partire dal 15° secolo, ed in particolare nel 18° secolo, i pittori veneziani si dilettarono nel rappresentare parti della loro città in dettaglio esatto.
Il pittore di Roma, Luca Carlevaris (1663-1730), adottò la tradizione a Venezia e la tramandò al suo apprendista Antonio Canal, che la combinò con l'esperienza acquisita da suo padre, scenografo teatrale.
Le vedute di Canaletto su Venezia sono vivaci e pittoresche.
Quest'opera del periodo maturo dell'artista è stata senza dubbio una delle commissioni inondate dai clienti, molti dei quali inglesi, che stavano intraprendendo il Grand Tour of Europe.
Qui, Canaletto usa una tecnica personale, coprendo la sua tela di blu prima di usare una camera oscura per ottenere forme esatte e prospettiva direttamente dalla vita reale.
Mentre il suo rivale Francesco Guardi🎨adottava un approccio più barocco e non ortodosso, Canaletto lavorava con un rigore classico che non ha minato il suo messaggio poetico né ostacolato il suo notevole successo. | © Musée du Louvre, Paris

Canaletto | View of the Ducal Palace in Venice | Uffizi Gallery, Florence

Nessun commento:

Inserisci un commento

Info sulla Privacy