Textual description of firstImageUrl

William Bouguereau | L’Orientale à la grenade, 1875


At the close of the 1860s, William-Adolphe Bouguereau’s🎨 (1825-1905) reputation had been secured by his masterful portrayals of peasant life in the French countryside.
Yet the artist did not limit himself in sources of inspiration and, like many of his contemporaries, became interested in the people and culture of North Africa and the Middle East.


In 1870 the artist completed Jeune fille orientale and five years later L’Orientale à la grenade / Girl with a pomegranate
, which, along with select other works (perhaps as few as six), comprise a rare group of Orientalist subjects within the artist’s oeuvre.
While Bouguereau did not travel to the region, numerous sources, books, exhibitions, and private collections of costume and artifacts could have helped inform his sensitive depiction of a young girl holding a pomegranate.
Bouguereau seems to have been particularly fascinated by Egypt, and the girl’s intricate silver jewelry is typical of North African design (similar pieces are worn by the fellahs in his compositions of 1876 and 1880).


The gleaming red gems of her earrings complement the rich color of the pomegranate, its jewel-like seeds revealed by the girl’s peeling of the fruit.
Just as hands holding knitting or carrying a clay water pitcher are emblematic to Bouguereau’s rural narratives, the inclusion of an exotic pomegranate may also reveal the artist’s understanding of its long-standing symbolism of innocence (Thompson, p. 48).
Though a departure in subject, L’Orientale à la grenade continues to demonstrate the artist’s brilliant ability to record intricate, nearly illusionistic details - from the blue stitching of her sleeve, small gaps suggesting its well-worn cloth, to the white backdrop of roughly applied paint to suggest a sun-baked plaster wall (which would appear behind the same model sitting in a village in the Marchande de grenades, also of 1875). | © Sotheby's



Alla fine del 1860, la reputazione di William-Adolphe Bouguereau (1825-1905)🎨 era stata assicurata dai suoi magistrali ritratti di vita contadina nella campagna francese.
Tuttavia l'artista non si è limitato alle fonti di ispirazione e, come molti suoi contemporanei, si è interessato alle persone e alla cultura del Nord Africa e del Medio Oriente.
Nel 1870 l'artista completò Jeune fille orientale e cinque anni dopo L’Orientale à la grenade, che, insieme ad altre opere selezionate (forse solo sei), comprende un raro gruppo di soggetti orientalisti all'interno dell'opera dell'artista.
Mentre Bouguereau non viaggiava nella regione, numerose fonti, libri, mostre e collezioni private di costumi e manufatti avrebbero potuto aiutare a informare la sua delicata raffigurazione di una ragazza che regge un melograno.


Bouguereau sembra essere stato particolarmente affascinato dall'Egitto e gli intricati gioielli in argento della ragazza sono tipici del design nordafricano (pezzi simili sono indossati dai fellah nelle sue composizioni del 1876 e del 1880)
Le luccicanti gemme rosse dei suoi orecchini completano il ricco colore del melograno, i suoi semi simili a gioielli rivelati dalla sbucciatura del frutto da parte della ragazza.
Proprio come le mani che tengono a maglia o che trasportano una brocca d'acqua di argilla sono emblematiche delle narrazioni rurali di Bouguereau, l'inclusione di un melograno esotico può anche rivelare la comprensione dell'artista del suo simbolismo di innocenza di lunga data (Thompson, p. 48).
Sebbene una deviazione in materia, L’Orientale à la grenade continua a dimostrare la geniale capacità dell'artista di registrare dettagli intricati, quasi illusori - dalle cuciture blu della manica, piccoli spazi vuoti che suggeriscono il suo tessuto ben consumato, allo sfondo bianco di circa applicare la vernice per suggerire un muro di gesso cotto al sole (che apparirebbe dietro lo stesso modello seduto in un villaggio nella Marchande de granate, anch'esso del 1875). | © Sotheby's


Nessun commento:

Inserisci un commento

Info sulla Privacy