29/07/21

Textual description of firstImageUrl

Anna Gardell-Ericson

Anna Maria Gardell-Ericson (Visby, 10 ottobre 1853 – Stoccolma, 2 giugno 1939) è stata una pittrice ed acquarellista Svedese. Si è specializzata in scene costiere e paesaggi con laghi o fiumi.
Suo padre, Johan, è generalmente descritto come un pittore di paesaggi, anche se potrebbe essere stato principalmente un funzionario amministrativo locale.
All'età di sedici anni, iniziò a dipingere e mostrò un talento sufficiente per essere inviata in Svizzera per iniziare i suoi studi.
In seguito, studiò con Per Daniel Holm alla Royal Swedish Academy of Fine Arts di Stoccolma; debuttando in una delle mostre dell'Accademia nel 1875.
L'anno successivo, vinse una medaglia di bronzo alla Centennial Exposition di Filadelfia.



Nel 1879 si recò a Parigi per continuare i suoi studi con Alexandre-Louis Leloir e Ferdinand Heilbuth e copiò gli acquerelli di Camille Corot.
Ha tenuto una importante esposizione al Salon nel 1882 e, di conseguenza, ha ricevuto un contratto del valore di 1.000 franchi al mese dai mercanti d'arte, Goupil and Cie.
Nello stesso anno, sposò Johan Ericson (1849-1925), un paesaggista di Karlshamn. Divenne anche membro della società artistica della Dudley Gallery. Lei e suo marito vissero in Francia fino al 1884, quando scoppiò un'epidemia di colera a Parigi.
Quindi tornarono in Svezia e si stabilirono a Göteborg. Mentre era lì, era un'espositore regolare alla Galleria Gummeson ed alle mostre di diverse associazioni d'arte.
Gardell-Ericson espose il suo lavoro al Palace of Fine Arts alla World's Columbian Exposition del 1893 a Chicago, Illinois.
Poco prima della sua morte, scrisse le sue memorie, ma queste devono ancora essere pubblicate. Grandi retrospettive si tennero nel 1939 e nel 1946.