Textual description of firstImageUrl

Mao Zedong / Anselm Kiefer | Let a Thousand Flowers Bloom! / Lascia che mille fiori sboccino!

The Hundred Flowers Campaign, also termed the Hundred Flowers Movement (Chinese: 百花齐放), was a period from 1956-1957 in the People's Republic of China during which the Chinese Communist Party (CCP) encouraged citizens to openly express their opinions of the Communist Party.
Following the failure of the campaign, CCP Chairman Mao Zedong conducted an ideological crackdown on those who criticized the party, which continued through 1959.
During the campaign, differing views and solutions to national policy were encouraged based on the famous expression by Mao:
"The policy of letting a hundred flowers bloom and a hundred schools of thought contend is designed to promote the flourishing of the arts and the progress of science".

Anselm Kiefer | Let a Thousand Flowers Bloom, 2000 | Metropolitan Museum of Art

The movement was in part a response to the demoralization of intellectuals, who felt estranged from the Communist Party.
After this brief period of liberalization, the crackdown continued through 1957-1959 as an Anti-Rightist campaign against those who were critical of the regime and its ideology.

Citizens were rounded up in waves by the hundreds of thousands, publicly criticized, and condemned to prison camps for re-education through labor, or even execution.
The ideological crackdown re-imposed Maoist orthodoxy in public expression, and catalyzed the Anti-Rightist Movement. | Source: © Wikipedia

Anselm Kiefer, 1945 | Neo-expressionist painter / sculptor

Anselm Kiefer used pictures he took on a visit to China in 1993 for a series of works that reference Mao Zedong and the Cultural Revolution.
Kiefer's large-scale photo-collage of a monumental statue of the Chinese leader saluting appears double-exposed with another image of a vast, curved wall of bricks.

The heroic statue's gesture echoes Kiefer's early photographs and drawings of himself performing the Sieg Heil, the Nazi salute.
Kiefer approaches the legacy of the brutal Chinese Communist regime with the same critical eye he turned on Germany's tortured recent past.

In 1957 Mao wrote: "Letting a hundred flowers bloom and a hundred schools of thought contend is the policy of promoting the progress of the arts and sciences".
Here, however, the sand and ash-encrusted flowers at the bottom struggle to blossom under the weight of the imposing statue while the wall blocks all access beyond the picture plane. | Source: © Metropolitan Museum of Art

Anselm Kiefer | Laßt tausend Blumen blühen! / Let a Thousand Flowers Bloom! 2000 | TaTe gallery

Kiefer travelled in China in 1993, and some years later made a series of paintings based on photographs taken there.
The title refers to a 1957 speech in which Mao encouraged greater freedom of expression, declaring ‘Let a hundred flowers bloom and a hundred schools of thought contend’.
This freedom was short-lived, as the intellectuals who criticised Mao were swiftly arrested.
Kiefer portrays a statue of Mao partially obscured by dried roses and tangled brambles symbolising the profusion and withering of revolutionary dreams. | Source: © TaTe gallery

Anselm Kiefer | Laßt tausend Blumen blühen! / Let a Thousand Flowers Bloom! 2000 | TaTe gallery

Kiefer ha viaggiato in Cina nel 1993 ed alcuni anni dopo ha realizzato una serie di dipinti basati su fotografie scattate lì.
Il titolo si riferisce a un discorso del 1957 in cui Mao incoraggiò una maggiore libertà di espressione, dichiarando "Che cento fiori sboccino e cento scuole di pensiero si contendano".
Questa libertà fu di breve durata, poiché gli intellettuali che criticavano Mao furono rapidamente arrestati.
Kiefer ritrae una statua di Mao parzialmente oscurata da rose secche e rovi aggrovigliati che simboleggiano la profusione e l'appassimento dei sogni rivoluzionari | Fonte: © TaTe gallery.

Anselm Kiefer | Laßt tausend Blumen blühen! / Let a Thousand Flowers Bloom! 1999 | Christie's

Vast and dazzling, Laßt Tausend Blumen blühen! (Let A Thousand Flowers Bloom!) is a sweeping panorama from Anselm Kiefer’s acclaimed Occupations series.
Executed in 1998, the series focuses on the Hundred Flowers Movement in the People’s Republic of China, nearly fifty years following Mao Zedong’s first decade in power.

Built up of layers of oil and acrylic paints, shellacs and emulsion, an evocative power emanates from the rich tactility of the surface.
Reflective of Kiefer’s distinct artistic language, the physical materiality of the surface reflects the visual and symbolic complexity of the work; the heavily impastoed flowers standing as a metaphor for fading revolutionary dreams.
Similar works from this series are housed in the collection of The Metropolitan Museum of Art, New York, and Tate, London.

Overgrown with pale flowers, a statue of Mao Zedong stands proudly in the centre of the composition on the raised ground between two rutted tired tracks.
Painted over the surface of photographs taken by the artist during his travels in China in 1993, the iconography of the statue is based on propagandist statues which he encountered during his trip depicting the Chairman in his prime. Seen from a distance, the posture of Mao appears ambiguous, leaving the viewer to speculate whether his gestures are benevolent or tyrannical.
This ambivalence is reflected in the commentary by Thomas McEvilley who suggests, ‘As the age grows old, Mao grows stale, the icon grows more and more ambiguous, the future more and more murky’.

A leader like Mao shows how impossible it is to write history’ Kiefer has said of the series, meaning that while it is evidently true that it is impossible to write history under a leader like Mao, it is also equally impossible for an individual, even all-powerful dictator such as Mao, to write/dictate history. (A. Kiefer, quoted in Thomas McEvilley ‘Let A Thousand Flowers Bloom’ in Anselm Kiefer: Let a Thousand Flowers Bloom, exh. cat. London, 2000, p. 20.)

The basic duality of Kiefer’s statement is also invoked in the paintings themselves, many of which depict Mao saluting or commanding a vast field of flowers.
Mao’s famous statement ‘let a hundred flowers bloom, let one hundred schools of thought contend’ was made in 1957 to encourage the citizens of the People’s Republic to speak out against the culture of his regime.
It was a cunning, manipulative and ultimately successful abuse of romantic sentiment made by a man who himself both painted and wrote poetry.
Mao intended to encourage all enemies to speak out and in so doing both identify and condemn themselves. Mao’s ‘hundred flowers’ were all subsequently cut down.

For Kiefer, the plant and the flower are symbols of eternity - of both the fragility of life and the unifying path the individual must make between heaven and earth, life and death.
From his early paintings of Siegfried and Brunhilde to the celestial sunflowers of his Rosicrucian-inspired paintings derived from Robert Fludd, the flower symbolizes the central hermetic truth of life - ‘as above so below’.
This was expressed by Robert Fludd’s belief that ‘every flower has its equivalent star in heaven’.

In this context, when Kiefer depicts Mao surrounded by a seemingly infinite field of flowers, the iconic figure of Mao, becomes strangely absurd.
And in this painting, where the flowers are simultaneously fading as they unfurl, their juxtaposition against the cool austerity of the statue suggests the ultimate futility of authoritarian power.

Echoing the artist’s on-going inquiry into the legacy of Nazism in post-war Germany, and by turning his lens to focus on Mao, Kiefer offers a politically charged critique of a nation in flux.
As in so much of Kiefer’s work, this idea is expressed through a stark and simple contrast between earth and sky formally united by a lone standing figure, in this case Chairman Mao.
These works in particular echo the very first of Kiefer’s works, his Occupations, in which the artist himself had re-enacted the Nazi salute at various locations throughout Europe, reinvestigating a past history that he, as someone born in 1945, had never known but had inherited.

Combining a nostalgic sense of romanticism in its juxtaposition of the lone hero/individual/dictator, as set against the vast and sublime expanse of the world, Lasst 1000 Blumen blühen is similarly and ultimately an image of futility.
The striking 20th Century icon of power standing with his arm raised as if both commanding the heavens and yet being frozen in time amidst the flux of new life, this stone-like figure of Mao seems to perform a suitably simultaneous gesture of both farewell to the past century and a ‘hail all’ greeting to the new. | Source: © Christie's

Anselm Kiefer | Laßt tausend Blumen blühen! / Let a Thousand Flowers Bloom! 1999 | Christie's

"Kiefer si libera con la famosa dichiarazione di Mao sul far sbocciare cento fiori, che ha portato all'arresto di così tanti artisti che lo hanno preso alla lettera. Alzando la posta, Kiefer alza la cifra a mille e raffigura il leader socialista circondato da fiori, e talvolta spine, che tende la mano in una posa iconica simile ad un dio, come se tentasse il controllo della natura nella sua entità» (A. D. "Offay, Let a Thousand Flowers Bloom, catalogo della mostra, Anthony d'Offay Gallery, Londra, 2000, p. 5).

Vasto ed abbagliante, Laßt Tausend Blumen blühen! (Let A Thousand Flowers Bloom!) è un'ampia panoramica dell'acclamata serie Occupations di Anselm Kiefer.
Eseguita nel 1998, la serie si concentra sul Movimento dei cento fiori nella Repubblica popolare cinese, quasi cinquant'anni dopo il primo decennio al potere di Mao Zedong.

Costituito da strati di colori ad olio ed acrilici, gommalacca ed emulsione, un potere evocativo emana dalla ricca tattilità della superficie.
Riflettendo il linguaggio artistico distinto di Kiefer, la materialità fisica della superficie riflette la complessità visiva e simbolica dell'opera; i fiori pesantemente impastati che si ergono come metafora dei sogni rivoluzionari che svaniscono.

Opere simili di questa serie sono conservate nella collezione del Metropolitan Museum of Art di New York e della Tate di Londra.

Ricoperta di fiori pallidi, una statua di Mao Zedong si erge orgogliosa al centro della composizione sul terreno rialzato tra due solchi stanchi.
Dipinta sulla superficie delle fotografie scattate dall'artista durante i suoi viaggi in Cina nel 1993, l'iconografia della statua si basa sulle statue propagandistiche che ha incontrato durante il suo viaggio raffiguranti il Presidente nel fiore degli anni.

Vista da lontano, la postura di Mao appare ambigua, lasciando lo spettatore a ipotizzare se i suoi gesti siano benevoli o tirannici.
Questa ambivalenza si riflette nel commento di Thomas McEvilley che suggerisce: "Man mano che l'età invecchia, Mao diventa stantio, l'icona diventa sempre più ambigua, il futuro sempre più oscuro" (T. McEvilley, "Let a Thousand Flowers Bloom ' in Anselm Kiefer: Let a Thousand Flowers Bloom, catalogo mostra, Anthony d'Offay Gallery, Londra 2000, p. 18).

"Un leader come Mao mostra quanto sia impossibile scrivere la storia" ha detto Kiefer della serie, "il che significa che mentre è evidentemente vero che è impossibile scrivere la storia sotto un leader come Mao, è altrettanto impossibile per un individuo, persino un dittatore onnipotente come Mao, per scrivere/dettare la storia" (A. Kiefer, citato in Thomas McEvilley 'Let A Thousand Flowers Bloom' in Anselm Kiefer: Let a Thousand Flowers Bloom, cat. mostra Londra, 2000, p. 20.)

La famosa affermazione di Mao “che cento fiori sboccino, che cento scuole di pensiero si contendano” fu fatta nel 1957 per incoraggiare i cittadini della Repubblica Popolare a denunciare la cultura del suo regime.

È stato un abuso astuto, manipolativo ed alla fine riuscito del sentimento romantico fatto da un uomo che a sua volta ha dipinto e scritto poesie.
Mao intendeva incoraggiare tutti i nemici a parlare e, così facendo, identificarsi e condannarsi.
I "cento fiori" di Mao furono tutti successivamente abbattuti.
Per Kiefer, la pianta ed il fiore sono simboli dell'eternità - sia della fragilità della vita che del percorso unificante che l'individuo deve compiere tra cielo e terra, vita e morte.

Dai suoi primi dipinti di Sigfrido e Brunilde ai girasoli celesti, dai suoi dipinti ispirati ai Rosacroce derivati da Robert Fludd, il fiore simboleggia la verità ermetica centrale della vita - "come in alto così in basso".
Ciò è stato espresso dalla convinzione di Robert Fludd che "ogni fiore ha la sua stella equivalente in cielo".
In questo contesto, quando Kiefer raffigura Mao circondato da un campo di fiori apparentemente infinito, la figura iconica di Mao diventa stranamente assurda.
E in questo dipinto, dove i fiori appassiscono contemporaneamente mentre si aprono, la loro giustapposizione contro la fredda austerità della statua suggerisce l'estrema futilità del potere autoritario.

Facendo eco all'indagine in corso dell'artista sull'eredità del nazismo nella Germania del dopoguerra, e spostando il suo obiettivo per concentrarsi su Mao, Kiefer offre una critica politicamente carica di una nazione in mutamento.
Come in gran parte del lavoro di Kiefer, questa idea è espressa attraverso un netto e semplice contrasto tra terra e cielo formalmente uniti da una figura solitaria in piedi, in questo caso il presidente Mao.

Queste opere in particolare riecheggiano la primissima delle opere di Kiefer, le sue Occupazioni, in cui l'artista stesso aveva rievocato il saluto nazista in varie località in tutta Europa, reinvestigando una storia passata che lui, essendo nato nel 1945, non aveva mai conosciuto ma aveva ereditato.
Combinando un senso nostalgico di romanticismo nella sua giustapposizione di eroe solitario/individuo/dittatore, in contrasto con la vasta e sublime distesa del mondo, Lasst 1000 Blumen blühen è allo stesso modo e in definitiva un'immagine di futilità.

L'impressionante icona del potere del XX secolo in piedi con il braccio alzato come se entrambi comandassero i cieli e tuttavia fossero congelati nel tempo in mezzo al flusso di una nuova vita, questa figura di pietra di Mao sembra compiere un gesto opportunamente simultaneo di entrambi addio al secolo passato ed un saluto 'salve a tutti' al nuovo. | Fonte: © Christie's

Anselm Kiefer | Laßt tausend Blumen blühen! / Let a Thousand Flowers Bloom! 1998 | Sotheby's

Executed in 1998, Laßt Tausend Blumen Blühen (Let a Thousand Flowers Bloom) delivers a solemn manifestation of Anselm Kiefer's powerful trans-historical dialectic on a monumental scale.
Belonging to a body of work which followed the artist’s travels to China in 1993, the present work confronts the legacy of China’s communist regime within a wider mythological and illusory field of Pagan folklore and the Romantic dualism of eternity and transience.
Suspended like a deific icon within an expansive textured field, the imposing figure of Mao Zedong presides over a grey landscape peppered by flowers, simultaneously blooming and stark, morbid and overgrown.

Inspired by photographs Kiefer took of the colossal propagandist statues that decorate the Chinese capital, the Communist leader appears in the present work as middle-aged and benevolent, his raised arm with thoughtless gesture, the symbolic value of which lies ambiguously between magnanimous wave and Fascist salute. | Source: © Sotheby's

Anselm Kiefer | Laßt tausend Blumen blühen! / Let a Thousand Flowers Bloom! 1998 | Sotheby's

Eseguito nel 1998, Laßt Tausend Blumen Blühen! (Lascia che sboccino mille fiori!) offre una manifestazione solenne della potente dialettica trans-storica di Anselm Kiefer su scala monumentale.
Appartenente ad un corpo di lavoro che ha seguito i viaggi dell'artista in Cina nel 1993, il presente lavoro affronta l'eredità del regime comunista cinese all'interno di un più ampio campo mitologico ed illusorio del folklore pagano e del dualismo romantico di eternità e transitorietà.

Sospesa come un'icona divina all'interno di un vasto campo strutturato, l'imponente figura di Mao Zedong presiede un paesaggio grigio punteggiato di fiori, al tempo stesso rigoglioso e spoglio, morboso e ricoperto di vegetazione.
Ispirato dalle fotografie che Kiefer ha scattato alle colossali statue propagandistiche che decorano la capitale cinese, il leader comunista appare nel presente lavoro come di mezza età e benevolo, il braccio alzato con un gesto sconsiderato, il cui valore simbolico si colloca ambiguamente tra l'onda magnanima ed il gesto fascista saluto. | Fonte: © Sotheby's

Anselm Kiefer | Laßt tausend Blumen blühen! / Let a Thousand Flowers Bloom!

Anselm Kiefer | Laßt tausend Blumen blühen! / Let a Thousand Flowers Bloom!

La Campagna dei Cento Fiori, chiamata anche Movimento dei Cento Fiori (cinese :百花齐放), è stato un periodo dal 1956-1957 nella Repubblica popolare cinese durante il quale il Partito Comunista Cinese (PCC) incoraggiò i cittadini ad esprimere apertamente le loro opinioni sul Partito Comunista.
In seguito al fallimento della campagna, il presidente del PCC Mao Zedong condusse un giro di vite ideologico su coloro che criticavano il partito, che continuò fino al 1959.

Durante la campagna sono stati incoraggiati punti di vista e soluzioni diverse alla politica nazionale sulla base della famosa espressione di Mao:
"La politica di far sbocciare cento fiori e cento scuole di pensiero si contendono è volta a promuovere il fiorire delle arti e il progresso della scienza".

Anselm Kiefer | Laßt tausend Blumen blühen! / Let a Thousand Flowers Bloom! 2000 | Museum of Fine Arts Houston

Il movimento fu in parte una risposta alla demoralizzazione degli intellettuali, che si sentivano estraniati dal Partito Comunista.
Dopo questo breve periodo di liberalizzazione, la repressione continuò per tutto il 1957 ed il 1959 come campagna anti-destra contro coloro che erano critici nei confronti del regime e della sua ideologia.
I cittadini furono radunati ad ondate a centinaia di migliaia, criticati pubblicamente e condannati ai campi di prigionia per la rieducazione attraverso il lavoro, od addirittura l'esecuzione. | Fonte: © Wikipedia

Anselm Kiefer | Laßt tausend Blumen blühen! / Let a Thousand Flowers Bloom!