Visualizzazione post con etichetta Women Artists. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Women Artists. Mostra tutti i post
Textual description of firstImageUrl

Alda Merini | Canto le Donne

Io canto le donne prevaricate dai bruti
la loro sana bellezza, la loro "non follia"
il canto di Giulia io canto riversa su un letto
la cantilena dei salmi, delle anime "mangiate"
il canto di Giulia aperto portava anime pesanti
la folgore di un codice umano disapprovato da Dio.

Lo Chan Peng, 1983

Textual description of firstImageUrl

Jessica Hayllar | Victorian painter

Jessica Ellen Hayllar (1858–1940) was a British artist and painter.
Hayllar was born in London and was the eldest daughter of the nine children born to Ellen Phoebe Cavell (1827-1899) and her husband James Hayllar (1829-1920).
The family lived at Mecklenburgh Square in London and also rented a country house in Suffolk for several months each year before moving to a large house, Castle Priory, by the Thames at Wallingford, then in Berkshire. Hayllar and her four sisters attended a day school in Gower Street and all were given art lessons by their father, who was himself a well-regarded painter.
Jessica Hayllar became the most prolific artist among the Hayllar offspring, although her sister Edith also achieved some recognition.
Jessica Hayllar exhibited at the Royal Academy in London regularly between 1879-1915 and also had works shown at the Society of British Artists, with the Institute of Painters in Oil Colours and at the Royal Manchester Institution.
She often painted domestic scenes, local villagers and depicted family occasions and gatherings.


Textual description of firstImageUrl

Alda Merini: E poi la vita ci insegna..

E poi la vita ci insegna
che bisogna sempre volare in alto.

Più in alto dell’invidia, più del dolore,
della cattiveria…

Più in alto delle lacrime, dei giudizi.

Marc Chagall | Sopra la città, 1918

Textual description of firstImageUrl

Alda Merini | Non si ama con il cuore, ma con l’anima..

Non si ama con il cuore,
si ama con l’anima che si impregna di storia;
non si ama se non si soffre
e non si ama se non si ha paura di perdere.

Ma quando ami vivi,
forse male, forse bene,
ma vivi.


Textual description of firstImageUrl

Françoise Nielly, 1960

L'artista Françoise Nielly è una ritrattista che usa un coltello invece del pennello.
Precisamente Nielly usa una spatola per dipingere i suoi ritratti. Questa tecnica significa che i volti famosi hanno una gamma di trame e segni su di essi, quasi come se le parti fossero state tagliate per rivelare altri colori sottostanti.
Le opere di Francoise Nielly sono ritratti vibranti, vividi e sorprendenti. Anche se la tecnica di Nielly consiste nell'usare un coltello per realizzare i suoi dipinti, i volti sono ancora molto intricati e dettagliati.
Nata a Marsiglia, Françoise Nielly è cresciuta vicino a Cannes e Saint-Tropez ed ora vive a Parigi.


Textual description of firstImageUrl

Karen Hollingsworth: "Un dipinto ha successo se desidero essere lì"!

La pittrice Karen Hollingsworth (1955) è nota per i suoi WindowScapes luminosi e ariosi. In passato l'artista dipingeva spazi interni, ora include una finestra aperta che funge da portale nello spazio al di là.
I suoi grandi dipinti ad olio spesso raffigurano soggetti abbastanza minimali, sedie e normali ambienti interni, tuttavia ciò che attrae molti spettatori è il misticismo evocato dal movimento dell'aria e dalla brezza dell'oceano attraverso le tende.
Per Karen, un dipinto riguarda la sensazione che evoca. Sebbene non ci siano figure presenti nei suoi WindowScapes, è difficile negare le implicazioni di sedie vacanti in uno spazio così vuoto.
È interessata a creare "l'impressione" di guardare attraverso una stanza e vedere il mondo esterno.


Textual description of firstImageUrl

Lettere d'amore tra Virginia Woolf e Vita Sackville-West

Le più grandi lettere d'amore, non sono quelle scritte per il pubblico, ma quelle indirizzate ad un particolare cuore tremante, piene di ricordi e miracoli privati, scritte in tutte le lingue del mondo..
E sicuramente, tra i grandi amori della storia troviamo anche la corrispondenza passionale tra la scrittrice britannica Virginia Woolf (1882-1941) - simbolo della letteratura Britannica del XX secolo - e l'affascinante scrittrice britannica Vita Sackville-West (1892-1962) - 10 anni di meno dalla Woolf, Saffista, e proveniente da una famiglia aristocratica.

Virginia incontrò la Vita nel dicembre del 1922, ad una cena all'influente circolo intellettuale, noto come Bloomsbury Group, un collettivo di artisti, scrittori e pensatori radicali all'inizio del XX secolo.
Dopo, nel suo diario, Virginia scrisse che durante la cena, non prestò molta attenzione alla conversazione di Vita, ma alle sue gambe...

Virginia Woolf and Vita Sackville-West

Textual description of firstImageUrl

Wislawa Szymborska | Reciprocità / Reciprocity

Ci sono cataloghi di cataloghi.
Poesie sulle poesie.
Drammi su attori recitati da attori.

Parole per spiegare parole.
Cervelli intenti a studiare il cervello.

Tristezze contagiose come una risata.
Carte che provengono dal macero di carte.
Sguardi veduti. Casi declinati secondo i casi.

René Magritte (1898-1967) | Golconda